E'(C)CENTRICO 2008

ottobre 17, 2008 in Spettacoli da Redazione

CoppolaArticolata in dodici appuntamenti, la rassegna apre la stagione 2008-09 delle officine CAOS con la consueta formula, che accosta lavori di compagnie torinesi a performance di artisti provenienti da tutta Europa e oltre (quest’anno da Belgio, Spagna, Svizzera, Scozia, Germania, Giappone, Stati Uniti). Ogni serata vede in scena due diversi spettacoli, attivando un confronto fra ciò che avviene oggi nel campo dell’innovazione artistica e teatrale internazionale e ciò che, contemporaneamente, succede in Italia, in particolare a Torino.

Venerdì 17 e Sabato 18, nella sede di piazza Montale 18 a Torino, andranno in scena TO (UNTITLED PORTRAIT AND OCEAN), performance di un collettivo internazionale di artisti contemporanei capitanato da Luigi Coppola, Yuko Kaseki e Isak Immanuel, e, a seguire, DON’T GO TOO FAR, nuovo lavoro dei torinesi Loss (Laboratorio Operativo Sistemi Sensibili) realizzato dallo stesso Coppola.

TO è un video-dialogo. Un viaggio tra reale e immaginario, che segue l’andamento e le deviazioni di una “fuga”.

Tre artisti di diversa estrazione e provenienza (il torinese Luigi Coppola, la giapponese Yuko Kaseki e l’americano Isak Immanuel) indagano le dinamiche dei non-luoghi, sempre più diffusi nel nostro mondo globalizzato, e la dialettica fra anonimato e ricerca di visibilità.

Il processo di produzione prevede diverse tappe, costituite da un laboratorio di creazione o da una residenza in ogni paese ospitante e con una o più presentazioni pubbliche del lavoro. In ogni contesto si realizzano parallelamente, con la collaborazione di artisti locali, un lavoro di video-performance site specific e uno spettacolo multimediale che rappresenti l’anima dell’intero progetto. Finora sono state realizzate le tappe di Taipei –Taiwan, Tokyo, San Francisco e Los Angeles e, in Italia, Firenze e Napoli.

Il secondo spettacolo, che debutta in prima nazionale in questa occasione, è presentato da un gruppo di ricerca teatrale fondato dallo stesso Coppola nel 2005.

Un corpo legato, trattenuto da 200 chili di pietre, tenta con ogni energia di avanzare. Il movimento è difficile, quasi impossibile. Eppure una scritta in terra ammonisce beffarda: “non andare troppo lontano”…

Don’t go too far è un avviso di cautela: non prendere rischi, non scegliere una strada sconosciuta, non superare i tuoi limiti, non avventurarti nella scoperta.

La performance è un atto di resistenza a questo concetto culturale dominante.

TO (UNTITLED PORTRAIT AND OCEAN)

17 e 18 Ottobre, ore 21.

A seguire, DON’T GO TOO FAR

Teatro Caos, piazza Montale 18 – Torino.

BIGLIETTI: INTERI 7 €, RIDOTTI 4 €

Per informazioni:

officine CAOS, piazza Montale 18 – Torino.

tel. +39.011.7399833 / 011.5881853 www.stalkerteatro.net

di Redazione