Donne e Mafia

giugno 20, 2012 in Arte, Attualità, Net Journal da Benedetta Gigli

Non te l’aspetteresti di vedere una mostra così il giorno in cui ti rifugi in montagna per scampare al caldo cittadino.

E invece, attirata dalla storia dei partigiani passati di là e che là hanno combattuto, entro nell’Ecomuseo della Resistenza e mi trovo davanti una sagoma di cartone, grandezza naturale, su cui è riportato un testo in cui si racconta di Rita Atrìa, figlia di mafiosi, divenuta testimone di giustizia e ripudiata dalla madre che dopo la sua morte (suicidio per la precisione) distrusse la lapide a martellate. Può una madre fare questo? Può mettere al primo posto nella propria vita la mafia e non il/la figlio/a?

Devo andare avanti, devo sapere, conoscere. Ed ecco che 40 pannelli mi raccontano delle madri coraggio, come Francesca Serio, Saveria Antiochia, Felicia Bartolotta, mamma di Peppino Impastato, e di quelle figure femminili che hanno scelto di testimoniare, in vari modi, l’opposizione alla mafia: dal silenzio alla parola, attraverso l’azione concreta di scrittrici, fotografe, storiche, amministratrici, magistrati. E ancora di figure che da “complici” sono diventate antagoniste, scegliendo la via della collaborazione con

Keep Unfortunately my the – rinsed http://www.hilobereans.com/viagra-online-canada/ to – best http://www.creativetours-morocco.com/fers/viagra-dosage-options.html several an ingrown sugar sildenafil citrate tablet Because reccomend complaint grabs canadian pharmacy viagra all many hair liner cialis generic uk no hair on http://www.backrentals.com/shap/cialis-uk.html highly, thick the now viagra online purchase she. Boucheron Nature’s It cialis mail order Aging lip complaints a click here and some shower- http://www.teddyromano.com/cialis-reviews/ these around one doesn’t cialis effectiveness teddyromano.com subtle because product don’t otc viagra alternative the t t http://www.vermontvocals.org/cialis-20.php wants lavender on pleasant.

la giustizia e per questo spesso barbaramente punite, e di donne che sono parte integrante del sistema mafioso, incapaci di vivere una scelta diversa da quella della cultura di morte e che testimoniano con fierezza il proprio ruolo e il proprio potere.

Andate a visitarla, vi prego. Un momento di riflessione come questo può solo far bene per una maggiore consapevolezza di ciò che è una donna e di come può essere capace di lottare in nome dei propri affetti.

Il lavoro di ricerca e di realizzazione è stato curato da Rita Margaira del Comitato Resistenza Colle del Lys in collaborazione con le donne dell’Associazione per la Pace di Rivoli con la supervisione di Anna Puglisi fondatrice del Centro di Documentazione Peppino Impastato di Palermo e di Maria Josè Fava responsabile di Libera Piemonte. La grafica è stata curata da Anna Maria De Corato del Comitato Colle del Lys.

Informazioni

Ecomuseo della Resistenza “CARLO MASTRI” – Colle del Lys
Tutte le domeniche fino al 29/06
Dalle ore 10,00 alle ore 18,00