Del Piero illumina Juve-Messina

ottobre 17, 2005 in Sport da Giovanni Rolle

La Juve batte il Messina grazie ad una prodezza di Alex Del Piero, il quale lancia un chiaro segnale a Marcello Lippi, ponendo la propria candidatura ad un posto nella spedizione azzurra agli Europei di Germania.

Settimo successo di fila per i bianconeri -nove, se si considerano anche i due in Champions League- che continuano a guidare la classifica a punteggio pieno. Con il secondo anello della curva Scirea, cuore del tifo bianconero più caldo, lasciato polemicamente vuoto dagli ultrà in segno di protesta contro i provvedimenti recentemente adottati all’interno degli stadi, e con il resto degli spalti dell’impianto torinesi tutt’altro che stracolmi, i giocatori di Juventus e Messina sono scesi in campo in un clima surreale. L’effetto è quello di un match a porte chiuse. Anche lo spicchio occupato dai circa mille sostenitori messinesi rimane silenzioso, in segno di adesione verso la protesta dei supporter bianconeri.

Il silenzio che regna all’interno del Delle Alpi viene però squarciato dall’esultanza che accompagna il gol del vantaggio bianconero, realizzato da Del Piero al termine di un irresistibile slalom fra i difensori siciliani e dalla corsa sfrenata e dall’urlo liberatorio del numero dieci juventino che festeggia il primo gol su azione in campionato.

Nella ripresa la curva Scirea riprende ad animarsi di tifosi, bandiere e canti e la squadra di Capello, spinta nuovamente dall’incoraggiamento dei propri sostenitori, preme alla ricerca del raddoppio, cingendo d’assedio la porta di Storari. Ma i campioni d’Italia rischiano di subire il pareggio dei siciliani su una pericolosa incursione di Di Napoli, sventata dalla pronta uscita di Abbiati. Nel finale di tempo c’è spazio anche per Trezeguet, il quale rileva Del Piero. E’ sua l’ultima fiammata dell’incontro, con il palo colpito dall’attaccante francese.

JUVENTUS-MESSINA 1-0

  • RETE: 24’ pt Del Piero

  • JUVENTUS (4-4-2): Abbiati; Pessotto, Thuram, Cannavaro, Zambrotta; Nedved (30’ st Chiellini), Giannichedda, Emerson, Mutu (12’ st Camoranesi); Del Piero (37’ st Trezeguet), Ibrahimovic

    All. Capello

  • MESSINA (4-4-2): Storari; Zoro (29’ st Muslimovic), Rezaei, Cristante, Aronica; Donati, Coppola, Giampà, Zanchi; D’Agostino (18’ st Di Napoli), Zampagna (29’ st Sculli)

    All. Mutti

  • ARBITRO: Bergonzi

  • NOTE: Ammoniti: Thuram, Cannavaro (J); Zanchi, Cristante, Donati, Coppola (M)

  • Spettatori: 7.083 paganti per un incasso di 113.975,00 euro; abbonati: 23.014.

    di Giovanni Rolle