Da Marinetti a Tzara

gennaio 12, 2010 in Viaggi e Turismo da Redazione

Futurismo/DadaUna mostra che, a 76 dalla storica Esposizione Futurista di Palazzo Ducale, indaga i due movimenti evidenziandone analogie e divergenze.

Soprattutto queste ultime, dato che Futurismo e Dadaismo intrapresero, ideologicamente, strade diverse dal momento che Dada ancor più drasticamente si poneva in contrasto con la società e con le tradizioni, fino a voler fare tabula rasa di tutte le regole che fino allora avevano codificato la creazione artistica.

Ma anche se si arrivò a una rottura tra futuristi e dadaisti, numerosi furono gli elementi comuni e le occasioni di scambio: lo spirito dissacrante, le serate provocatorie e irriverenti, la volontà di “rivoluzione tipografica”, l’uso massiccio dei mezzi di comunicazione e delle riviste, la commistione tra generi tradizionalmente separati.

Mantova, rispetto alla storia dei due movimenti, ha un ruolo in qualche modo particolare, unico.

La città fu, infatti, sede di un dibattito intellettuale condotto per “organi di stampa”: da un lato le riviste edite da Somenzi (che fu anche il principale promotore della grande mostra futurista tenutasi a Palazzo Ducale nel 1933), che diventeranno il vero e proprio organo di stampa del movimento marinettiano, e quelle pubblicate da Fiozzi e Cantarelli: “Procellaria” (1917-1920) e l’unica testata dadaista italiana, “Bleu” (1920-1921), realizzata in collaborazione con Julius Evola.

Intorno a queste fucine di pensiero conversero intellettuali di valore e artisti, in primis lo stesso Martinetti.

E’ l’8 febbraio del 1909 quando, in anticipo di qualche giorno rispetto alla sua pubblicazione ufficiale su “Le Figaro”, appare su “La Gazzetta di Mantova” il primo manifesto del Futurismo, firmato da Filippo Tommaso Marinetti.

A partire da quella data, il movimento futurista si afferma prepotentemente sulla ribalta internazionale della cultura e dell’attualità, con le sue proposte di rinnovamento totale nell’ambito della letteratura, della musica, del teatro, della grafica, di ogni campo del pensiero e del vivere.

Una poetica diffusa capillarmente su tutto il territorio nazionale, grazie proprio ai manifesti, alle serate sperimentali e provocatorie, e all’intensissima attività editoriale ed espositiva.

Mantova viene investita in pieno dal ciclone futurista, con serate, conferenze, mostre e con la costituzione nel 1916 di un gruppo futurista, che sarà attivo fino al 1941, del quale fecero parte Gino Cantarelli, Giovanni Cenna, Emiliano Diobelli, Aldo Fiozzi, Otello Rebecchi e Mino Somenzi.

Tra le loro esperienze collettive e individuali – Somenzi ad esempio, prima di diventare giornalista di spicco, fu a Fiume con Gabriele d’Annunzio – grande peso ebbe il rapporto di scambio e confronto con altri gruppi d’avanguardia europei: primo tra tutti il gruppo Dada, appunto, al quale li accomunò la predilezione per l’uso della parola, della poesia e del segno come principale forma espressiva.

La mostra della Casa del Mantegna rievoca questa intensa pagina di storia e d’arte e lo fa riunendo importanti opere di pittura e grafica del primo e secondo Futurismo (da Marinetti fino a Balla, Boccioni, Bragaglia, Cangiullo, Carrà, Conti, Depero e Munari), i cui temi vennero fatti propri dagli artisti mantovani. Affiancano queste opere, libri, periodici, lettere, fotografie, filmati, le riviste edite da Somenzi, quelle pubblicate da Fiozzi e Cantarelli: “Procellaria” e, come già indicato, l’unica testata dadaista italiana, “Bleu”. Inoltre, opere dei protagonisti del Dada internazionale quali Marcel Duchamp (con il famoso Apolinère Enameled), Francis Picabia, Man Ray, Kurt Schwitters e di Tristan Tzara, instancabile organizzatore del movimento.

Futurismo e Dada. Da Marinetti a Tzara.

Mantova e l’Europa, nel segno dell’Avanguardia


Mantova, Casa del Mantegna – via Acerbi 47.

13 dicembre 2009 – 28 febbraio 2010

Da martedì alla domenica dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:30.

Ingresso: interi euro 5, ridotti euro 3.

di Redazione Arte