Convegno: gli anni che passano nel vino

maggio 11, 2009 in Enogastronomia da Redazione

comune barbarescoIl Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero organizza annualmente un incontro tecnico di aggiornamento per i produttori associati, i giornalisti di settore e il pubblico interessato.

Il tema scelto per il 2009 è legato alla conservazione del vino, con il ruolo dell’ossigeno, del legno e del vetro.

L’appuntamento è fissato per mercoledì 20 maggio 2009 alle ore 16.30 presso l’Aula Magna dell’Ampelion, in Corso Enotria 2C ad Alba.

Quello che il vino passa in cantina è un periodo di tempo più o meno lungo, che nella letteratura tecnica e divulgativa assume nomi spesso differenti. Il legislatore, ad esempio, nei vari Disciplinari, parla di invecchiamento minimo obbligatorio. Negli ultimi anni da più parti si è cercato di fare dei “distinguo” parlando di maturazione per il periodo trascorso nei contenitori di legno e di affinamento per quello trascorso nella bottiglia coricata nelle cantine interrate. Al di là delle questioni lessicali, è utile saperne di più anche per comunicare in modo più adeguato e puntuale.

Anche per questo, il Consorzio ha scelto per l’annuale approfondimento tecnico tale argomento e ha coinvolto nel confronto alcuni ricercatori e tecnici di provata capacità ed esperienza.

· Rocco Di Stefano: ricercatore di fama internazionale, uno dei massimi esperti in chimica enologica, professore ordinario presso l’Università di Palermo. Ha studiato i profumi dei vini Barolo e Barbaresco e gli antociani dell’uva Nebbiolo. Ha messo a punto, tra l’altro, i metodi di analisi relativi al frazionamento dei polifenoli.

· Armando Cordero: Enologo, già Presidente della Commissione di degustazione vini Doc e Docg della Camera di Commercio di Cuneo, appassionato conoscitore del Barolo grazie anche, a un’esperienza di cantina ultra cinquantennale. Ci condurrà in un “amarcord” unico, confrontandosi con le tecniche di conservazione tradizionali.

· l’enol. Beppe Caviola: uno dei consulenti emergenti dell’enologia italiana. Ci racconterà la sua esperienza nella conservazione dei vini con tecniche innovative.

· Mauro Gamba: titolare della Fabbrica Botti Gamba di Castell’Alfero (Asti), tra le aziende più note per la produzione di recipienti in legno con molti dei suoi manufatti nelle cantine di Langa e Roero.

· Giuseppe Penna: un artigiano bottaio custode di un mestiere prezioso che purtroppo rischia di scomparire.

Introduce CLAUDIO ROSSO, Presidente del Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero. Moderatore dell’incontro e del dibattito: LORENZO TABLINO.

I grandi vini del mondo hanno un comune denominatore: sono stati conservati in legno durante il processo di cantina. Vale per Barolo e Barbaresco, ma anche per Brunello, per Chambertin e per Medoc. La classica botte nata due millenni fa sulle montagne ai confini tra il Piemonte e la Francia

conserva una precisa identità e svolge funzioni importanti, nonostante l’evoluzione e i cambiamenti che hanno investito il settore enologico. I complessi fenomeni fisico-chimici-biologici correlati alla maturazione del vino, durante la permanenza in legno in stato di ossidazione e successivamente in bottiglia in stato di riduzione, oggi, per fortuna, non hanno misteri, anche se permangono alcune zone d’ombra.

Il convegno che si terrà presso la sede del Consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Roero il prossimo 20 maggio vuole mettere a fuoco alcune questioni sul tema botte-conservazione del vino, tra cui per esempio i pregi del rovere a confronto con le attuali problematiche o il successo della media botte per i vini Barbera. Il riferimento sono le esigenze pratiche di cantina.

INFORMAZIONI UTILI

INCONTRO TECNICO MERCOLEDÌ 20 MAGGIO:

Gli anni che passano nel vino: maturazione o invecchiamento?

l’Aula Magna dell’Ampelion

Corso Enotria 2C

Alba

0RE 16.30

I TEMI DELL’INCONTRO:

• la conservazione del vino in legno e in bottiglia

• fenomeni fisico-chimici-biologici

• l’evoluzione del colore, del bouquet e del gusto

• botte grande o piccola? rovere di Slovenia o francese?

• aspetti pratici di cantina

• attualità e prospettive

E’ gradita prenotazione entro il 15 maggio.

Colline di Qualità

Corso Enotria 2/C Ampelion

12051 Alba (CN)

Tel. +39 0173 441074

[email protected]

di Redazione