Biennale Democrazia 2011

aprile 13, 2011 in Attualità da Benedetta Gigli

biennaleVerrà inaugurata il 13 aprile, con uno spettacolo speciale di Roberto Benigni al Palasport Olimpico di Torino, la nuova edizione di Biennale Democrazia, un laboratorio pubblico permanente, radicato nel territorio e rivolto alle grandi dimensioni della politica odierna, aperto al dialogo, capace di coinvolgere i giovani delle scuole e delle università e destinato a tutti i cittadini.

Il tema di quest’anno è Tutti. Pochi. Molti, in cui viene indagato il rapporto tra oligarchia e democrazia, tra il rapporto fra “il potere di tutti”, proprio della società democratica, e “i poteri di pochi”.

Ma il programma darà spazio anche al confronto su minoranze e movimenti, alla sostenibilità ambientale, nonché all’Italia, nel suo 150° compleanno. Inoltre tra le novità di quest’anno vi è il ciclo di incontri I grandi discorsi della democrazia – Da Demostene a Obama, una serie di letture commentate che inizierà durante la manifestazione per poi proseguire fino al mese di dicembre.

Il Teatro Carignano sarà ancora il quartier generale di Biennale Democrazia, con l’antistante piazza Carignano che accoglierà un maxi schermo per la trasmissione in diretta degli incontri ospitati. Saranno a disposizione del pubblico anche il Circolo dei Lettori, il Teatro Gobetti, ilTeatro Regio, la Cavallerizza Reale, gli spazi dell’Università, il Cinema Massimo e la Sala Congressi Intesa Sanpaolo in piazza San Carlo. Sede d’eccezione di questa edizione sarà inoltre un luogo simbolo dell’Unità nazionale: l’Aula del Senato, sede del Primo Senato d’Italia, riallestita a Palazzo Madama in occasione delle celebrazioni e i cui appuntamenti saranno anche

in questo caso trasmessi su uno schermo in piazza Castello.

Cinque giorni di incontri, lezioni, dibattiti, forum, letture e spettacoli, tutti a ingresso libero, con

centocinquanta protagonisti della cultura nazionale e internazionale, che esploreranno la crescente influenza esercitata dalle oligarchie nella nostra vita pubblica.

Per maggiori informazioni vi rimandiamo al programma completo:www.biennaledemocrazia.it

di Benedetta Gigli