Arte e Shoah

febbraio 2, 2011 in Arte da Benedetta Gigli

Il tentativo di rappresentare la Shoah attraverso l’arte nasce da una condivisione umana del dramma vissuto da milioni di persone, deportate e uccise nei Lager nazisti, e dalla convinzione che anche il dolore può e deve essere rappresentato.

Arte e ShoahFino al 20 febbraio sarà possibile visitare la mostra Arte & Shoah presso il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà di Torino.

In mostra le opere di 18 studenti dell’Accademia Albertina di Belle Arti che hanno cercato di rappresentare la Shoah attraverso la loro conoscenza storica: i loro lavori trasmettono l’impressione di un coinvolgimento emotivo profondo, ma anche un senso di responsabilità e consapevolezza civile.

Per tenere viva la memoria della Shoah oggi non ci si può più affidare soltanto alle fonti documentarie (che peraltro si fanno più labili con la scomparsa dei testimoni diretti) ma c’è la necessità di una ricostruzione di quell’evento attraverso la rielaborazione creativa e proprio per questo i docenti dell’Accademia in collaborazione con la Fondazione Camis de Fonseca e l’Istituto di Studi Storici Gaetano Salvemini hanno deciso di dar voce alle nuove generazioni di artisti, che attraverso il loro adattamento personale e artistico rappresentano quel dramma non personalmente vissuto.

Il 3, il 7 e il 10 febbraio, alle ore 20.00, si svolgeranno visite guidate condotte da Willy Beck, docente di Storia dell’Arte e critico d’arte, che introdurrà i visitatori alla conoscenza delle opere esposte, dialogando davanti a ciascuna di esse con i giovani artisti che le hanno realizzate.

Sarà un’occasione per approfondire i temi trattati e le intenzioni progettuali che sono alla base dei lavori, per conoscerne le caratteristiche tecniche, ma soprattutto per entrare in un rapporto più profondo con le opere d’arte e con la sensibilità e la creatività degli autori, che si sono dimostrati particolarmente sensibili a un tema di grande impegno civile e morale.

Info

Tel. 011 4363470

[email protected]

www.museodiffusotorino.it

di Benedetta Gigli