Architorti allo Stefano Tempia

dicembre 5, 2005 in Spettacoli da Simona Margarino

“A quel punto fece scorrere le dita callose sopra una corda, poi sopra un’altra… Un suono sconosciuto pietrificò la folla, inducendola a una sorta di rispetto. «È un giocattolo» sentenziò solennemente il capo.” (Dai Sij, Balzac e la PiccolaSarta cinese)

architortiProsegue la Stagione concertistica Stefano Tempia 2005-2006 con Ciak! Si suona! del Quintetto Architorti martedì 6 dicembre 2005 alle ore 21 al Tempio Valdese di Corso Vittorio Emanuele II 23. Efix Puleo e Piermichele Longhin al violino, Elena Saccomandi alla viola, Marco Robino al violoncello (e per gli arrangiamenti) e Paolo Drappeggia al contrabbasso, con la partecipazione del Wetontondidjeridu di Pinerolo, proporranno musiche di Nino Rota, Pëtr Il’ic Cajkovskij, Dmitrij Sostakovic, Nicola Campogrande, John Williams e, per finire, Maurice Ravel.

La caratteristica particolarità dell’esibizione, quasi a ricordare le primissime proiezioni dei fratelli Pierre e Auguste Lumière al Salon Indien, sta nel riproporre indimenticabili pellicole, non più recenti -Otto e mezzo, Il padrino, Per un pugno di dollari, Titanic, Fantasia, Mission, Underground, Barry Lyndon, ecc. –, con un sottofondo musicale, dal vivo, di archi virtuosi. Rifioriscono così le colonne sonore originali dei film da vecchio cinematografo, ma in un contesto spettacolarizzato nella sua primordiale semplicità, a testimonianza del fatto che non tutto ciò che è passato va buttato nel cestino vuoto dell’irrecuperabile.

Dall’era del muto son passati anni, eppure da allora resta ancora intatto lo stupore, a volte, di fronte alla meraviglia di uno schermo in cui la vita è reale quasi quanto la propria voglia di crederla tale, al di là di una locandina di carta o di uomini piatti mezzo centimetro. E se i personaggi, come in questo caso, non parlano (in fondo la finzione dovrà pur comparire da qualche parte…), possono essere le corde di un qualche strumento ad aiutare la fantasia a vagabondare meglio, in cerca della voce più gradita o dei silenzi spesso dimenticati. Sta a noi decidere.

Ciak, Si suona!

6/12/05

Tempio Valdese

Corso Vittorio Emanuele II, 23

Biglietti 13 euro; 7 euro

Accademia Stefano Tempia

Via Accademia Albertina 14, Torino

tel e fax 011-5539330

di Simona Margarino