AMMMERICA – Atto decimosecondobis (non decimoterzo!)

giugno 22, 2011 in Viaggi e Turismo da Meno Pelnaso

I miei compagni di viaggio, dopo l’ultima esperienza nel grande magazzino, non vogliono più venire con me a curiosare in questi enormi templi della quotidianità.

… peccato!

Mi consolo con la prospettiva di andare a visitare uno dei famosi grattaceli americani.

Nella città dove ci troviamo non sono alti come a New York, ma sicuramente molto più alti rispetto a quelli che si possono vedere in Italia oggi ed in particolare a Torino.

Qui venti-trenta piani sono nanerottoli rispetto ai giganti di centinaia di piani, anche se si trovano solo nelle downtown ed il resto delle città non arriva ad un banale secondo piano.

Ho notato però che dappertutto gli edificatori hanno risparmiato nella costruzione o sono stati molto distratti …

… si sono sempre dimenticati di costruire il tredicesimo piano!

Già, infatti gli americani sono molto superstiziosi e, dopo il dodicesimo piano, ma anche dopo il dodicesimo posto, la dodicesima fila, la tredicesima casa, la tredicesima canzone, … trovate subito il/la quattordicesimo!

Questo tipo di superstizione si chiama con un nome impronunciabile …

TRISCAIDECAFOBIA

(spero di averlo scritto giusto perché oltra alla lingua mi s’intrecciavano anche le dita … sarà mica sfiga? …)

Le origini non sono chiare, alcuni affermano religiose, altri matematico-misteriche, altri culturali, storiche, per altri è semplicemente per conformismo (“… non ci credo ma mi adeguo …”).

Così quando una meravigliosa ragazza, o l’agognato principe azzurro, in America, ti da un appuntamento al tredicesimo piano di un grattacielo, sospetta una fregatura.

Negli ascensori non c’è neppure il bottone del tredicesimo piano!

Se un bagarino ti vende un biglietto per una importantissima partita di finale ed il posto è il tredicesimo della tredicesima fila …

… beh … ti ha fregato!

Negli stadi non li troverai neppure con il lanternino!

Se hai una coincidenza a Memphis al gate A13 …

… già! … proprio così …

… hai già perso l’aereo!

Infatti i gate A13, B13 e C13 semplicemente non esistono!

Vabbè, per rispetto a questa superstizione americana, visto che sto scrivendo di loro, mi adeguo e questo articolo non lo scrivo.

Smettila di fare le corna!

… non ci credo ma …

Affettuosamente Vostro

Meno Pelnaso

di Meno Pelnaso