A tutto Grinzane

ottobre 27, 2001 in Attualità da Stefano Mola

Si dice che una volta imparato ad andare in bicicletta non si dimentica più. Però, quando è il momento più giusto di imparare? Magari, a 35 anni, in giacca e cravatta, uno si potrebbe sentire un po’ a disagio, a farsi cogliere su una bici con le rotelle. Allora, meglio iniziare da piccoli.

E che c’entra col premio Grinzane? C’entra. Perché c‘è anche il Grinzane Junior (giunto alla seconda edizione). E funziona “come quello dei più grandi”. Una giuria di critici (Teresa Buongiorno, Roberto Denti, Nico Orengo, Bianca Pitzorno, Donata Righetti e Giuliano Soria) ha scelto i libri finalisti. A decretare il vincitore sarà una giuria di bambini di dodici classi di quattro scuole elementari e di otto scuole dell’infanzia del Comune di Torino (dunque, la storia della bicicletta c’entra eccome)

I 6 finalisti (divisi in due sezioni, una italiana e una straniera) sono:

Kathryn Cave e Chris Riddell, Tutti a contare, (Mondadori);

Altan, Pimpa vola in Africa, (Franco Panini);

Michel Ocelot, Kirikù e la strega Karabà, (Ape Junior);

Ann Wilsdorf, Fior di Giuggiola, (Babalibri);

Philippe Corentin, Pluf!, (Babalibri);

Elisabetta Jankovic e Roberto Ciroli, Re Tlo e la sirena, (AER Edizioni).

Per la prima volta, quest’anno è prevista una nuova sezione, intitolata all’editore Nicola Milano e dedicata alla tolleranza e al rispetto dei diritti umani. I due vincitori verranno selezionati da una Giuria di Educatori di scuole di base e dell’infanzia di Brescia, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Torino e Roma, individuati dal Ministero della Pubblica Istruzione.

La cerimonia di premiazione del supervincitore, che riceverà un assegno di 5 milioni di lire, si terrà a Torino, al Piccolo Regio, il 14 dicembre 2001. Il premio è promosso d’intesa con la Città di Torino Servizi Educativi, il Ministero della Pubblica Istruzione e il Gruppo Milano.

Intanto, la macchina del premio per i più grandi è già in moto. Il 31 ottobre scade il termine per l’invio dei libri partecipanti alla XXI edizione del Premio Grinzane Cavour. Le sezioni in concorso sono: premio narrativa italiana edita, premio narrativa straniera tradotta e pubblicata in Italia, premio internazionale promosso dalla Provincia di Torino, premio giovane autore esordiente e premio di traduzione. A questi va aggiunto il premio Grinzane Editoria, sezione introdotta nel 2000 e intitolata a Giulio Bollati.

Possono partecipare opere edite in Italia tra il 1° settembre 2000 e il 25 ottobre 2001 (che dovranno pervenire alla segreteria del premio in 18 copie). La giuria dei critici è presieduta da Lorenzo Mondo e composta da Giuseppe Bellini, Vincenzo Consolo, Maria Corti, Daniele Del Giudice, Luigi Forte, Sergio Perosa, Giuseppe Pontiggia, Gianni Riotta, Francesca Sanvitale, Giuliano Soria e Sergio Zoppi. Entro gennaio del 2002 sceglierà la rosa dei vincitori (3 italiani e 3 stranieri). I supervincitori verranno scelti da diciotto Giurie di Giovani (scelte da un elenco base fornito dal Ministero della Pubblica Istruzione e dal Ministero Affari Esteri) attivate in undici centri di lettura italiani e sette stranieri (nelle città di Bruxelles, Buenos Aires, Mosca, New York, Parigi, Praga, Salamanca).

Ricordiamo infine i patrocinatori (importanti): Regione Piemonte, Fondazione CRT, Provincia di Torino, con la collaborazione del Ministero della Pubblica Istruzione, del Ministero degli Affari Esteri e della Città di Alba. Cerimonia di premiazione: giugno 2002, come sempre al Castello di Grinzane Cavour (Cuneo). Per informazioni: 011/810.01.11 – fax 011/812.54.56

di Stefano Mola