VotaGrinzane

maggio 22, 2002 in Libri da Stefano Mola

VotaGrinzane. Immaginatemi per un attimo negli improbabili panni di un Totò piemontese che va in giro in po’ gobbo e salmodia VotaGrinzane, VotaGrinzane, VotaGrinzane (il fatto che probabilmente non mi abbiate mai visto forse vi aiuta nell’immaginare questa specie di mostro sorto dalle discariche della fantasia).

Adesso invece concentratevi (ancora di più di quanto già non fosse necessario per immaginare un Totò piemontese), perché vi spiego dove, come e perché votare (e anche cosa).

Per aver fedelmente frequentato queste pagine virtuali, sicuramente sapete cos’è e come funziona il Premio Grinzane Cavour (e se non siete preparati, ripassate cliccando qui ). E sicuramente starete leggendo le recensioni dei libri finalisti che noi di Traspi.net stiamo scrivendo per voi. Ci stiamo avvicinando al momento clou: la cerimonia di premiazione sarà Sabato 15 Giugno. Sapete anche bene che se non appartenete a una delle tante giurie di studenti delle scuole medie superiori, non potete concorrere a determinare il vincitore (qui è concessa una pausa di tristezza, massimo un minuto, se avete superato quella età, magari del doppio, e la rimpiangete molto).

Però. Però è sempre bello aver comunque la possibilità di dire: a me è piaciuto moltissimo questo libro, per questo, questo e quest’altro motivo, e vedere che c’è una classifica di lettori come voi, che hanno gli stessi vostri gusti. Oppure vedere invece che pochi sono della vostra stessa idea, e allora cliccare quasi con rabbia, scagliando i vostri bit in faccia al mondo (che dovete immaginare rossi di collera, appunto, mentre corrono sudati lungo le linee telefoniche), perché in voi quel libro ha veramente scatenato delle emozioni, e quindi vale. Oppure se non li avete ancora letti, potete anche solo dire perché vorreste leggerlo (i libri a volte sono oggetti misteriosi che per motivi imperscrutabili ci chiamano come cuccioli dalla vetrina di un negozio di animali domestici).

Bene. Adesso, se andate su www.grinzane.it, potete farlo. Potete scegliere il vostro libro preferito tra i 3 della narrativa italiana e i 3 della narrativa straniera. Potete anche indicare una motivazione. E ci sono anche dei premi: per il primo, un viaggio-e-soggiorno a Torino per una persona, in occasione della cerimonia di premiazione del Premio Grinzane Cavour (15 giugno 2002); per altri sei, una copia del libro votato, con dedica dell’autore. Nello stesso sito, troverete anche le prime pagine dei romanzi.

Ma se come elettori incerti e al tempo stesso come lettori fedeli e fiduciosi di Traspi.net volete ripassare le recensioni, vi rimandiamo ai link di quelle già uscite (e se avrete pazienza, nei prossimi giorni arriveranno le altre):

Narrativa italiana

  • Arnaldo Colasanti Gatti e scimmie (Rizzoli)
  • Margaret Mazzantini Non ti muovere (Mondadori)
  • Romana Petri La donna delle Azzorre (Piemme)

    Narrativa straniera

  • Alfredo Bryce Echenique “La tonsillite di Tarzan” (Guanda)
  • Christoph Hein “Willenbrock” (Edizioni e/o)
  • Orhan Pamuk “Il mio nome è Rosso” (Einaudi)

    di Stefano Mola