Visioni di Natura e Città

settembre 28, 2010 in Arte da Stefania Martini

StellutiTra le colline incantate delle Langhe, che in questi giorni vivono momenti di intenso lavoro e dove la natura opera in maniera mirabile, è possibile visitare l’esposizione Visioni di Natura e Città, in cui l’artista marchigiano Roberto Stelluti presenta la sua produzione di acqueforti.

Per questa mostra, Stelluti ha scelto di privilegiare uno dei filoni principi della sua produzione grafica, quello della natura, mettendo però fronde, fiori, verzure vis a vis con immagini apparentemente contrapposte, quelle di paesaggi urbani e di ambienti industriali.

Ciò che nell’una e nell’altra delle tematiche risulta evidente è una straordinaria poesia unita ad una non meno straordinaria capacità tecnica.

Un connubio che fa pensare ai grandi maestri del passato, da Dürer ai fiamminghi ma anche a Piranesi e a Friedrich.

Come poche altre discipline, l’acquaforte richiede l’assoluto dominio di se stessi e dei mezzi. Mentre si disegna, occorre avere chiaro il risultato prefisso: sbagliare non è ammesso, pena la perdita di settimane di lavoro. Una grande pazienza è necessaria, insieme con la fantasia e la tecnica, per ottenere un indispensabile equilibrio. spiega il maestro.

Ogni lastra richiede circa tre mesi di accurato lavoro nel suo studio di Fabriano. Parte delle opere in mostra fanno parte di “Ritratti di Natura”.

Ci sono giornate, tra maggio e giugno, incredibili: la natura raggiunge il suo più alto splendore, palpita di nuova vita, la vegetazione si fa rigogliosa, si espande, fiorisce. E’ questa la mia stagione.

“ROBERTO STELLUTI. Visioni di natura e di città”

Monforte d’Alba, Fondazione Bottari Lattes (via Marconi 16),

Dal 25 settembre al 14 novembre.

Mostra promossa dalla Fondazione Bottari Lattes, a cura di Enrico Crispolti.

Orari della mostra: dal lunedi al venerdi – dalle 14.30 alle 17.00, sabato e domenica dalle 14.30 alle 18.00.

di Stefania Martini