Vini e olii di Trapani

dicembre 2, 2001 in Medley da Claris

Degustazione di vini ed olii Amanti della buona cucina siciliana, fatevi avanti: oggi è in programma una singolare giornata di degustazione a Bergamo, promossa dalla Provincia Regionale di Trapani: sono presenti nell’Enoteca “Al Donizetti” della Città Alta, in via Gombito 17/A, alcune tra le più conclamate aziende vinicole ed olearie siciliane.

Quindici le cantine presenti, grande la selezione dei prodotti proposti, che vanno dai rossi e bianchi di monovitigni internazionali (Cabernet Sauvignon, Merlot, Chardonnay, etc.) a quelli autoctoni (Nero d’Avola, Nerello Mascalese, Frappato, Grillo, Catarratto, etc.). Altrettanto numerosi i vini ottenuti da blend, sia bordolesi che tra uve autoctone ed alloctone. Assolutamente d’eccezione, poi, la parata dei vini dolci, sia ad I.G.T. Sicilia che DOC.

Tutti questi vini sono accomunati da una eccezionale qualità organolettica, tale da permettere a questi prodotti di sbancare regolarmente presso i più prestigiosi banchi d’assaggio internazionali.

La degustazione si protrarrà no-stop dalle 9.30 della mattina alle ore 18.00 e, per finire, un interessante momento culturale. Nel pomeriggio, alle ore 18.30, a conclusione della degustazione, è previsto uno spettacolo lirico nei locali della Sala Consiliare della Circoscrizione 3, in vicolo S. Agata 23, sempre a Bergamo (Città Alta).

Utile sottolineare che degustazione e spettacolo lirico sono aperti al pubblico e gratuiti.

La provincia di Trapani detiene il primato di essere la più vitata di Italia e contende la leadership europea alla zona francese di Bordeaux. Attualmente circa il 60% della produzione regionale siciliana è da attribuire all’area trapanese. In termini squisitamente quantitativi, la sola provincia di Trapani produce qualcosa come 6 milioni di ettolitri di vino, pari al 10% della produzione nazionale.

Questi vini ancora oggi sono destinati, per la maggior parte, all’esportazione come masse vinose sfuse: la loro destinazione è normalmente la Francia, l’Europa comunitaria, l’Est Europa e le Americhe. Inoltre sono vini che, per le loro eccezionali caratteristiche organolettiche, vengono adoperati per “tagliare” altri vini locali, cioè per migliorare ed aggiungere plus organolettici a prodotti più deboli.

Obiettivo della giornata bergamasca è far tornare profeti in patria questi magnifici nettari. Trapani ha quattro tipologie di vini DOC: il Marsala, i Moscati di Pantelleria, l’Alcamo ed il Delia Nivolelli.

Il Marsala non ha bisogno di presentazione: è la più antica e prestigiosa DOC d’Italia. I Moscati di Pantelleria, in tutte le declinazioni previste dal recente disciplinare rivisitato, ormai è diventato un “must” sui mercati internazionali.

Riveduto anche il disciplinare dell’Alcamo DOC, che oggi prevede anche la possibilità di imbottigliare i rossi. Ultima nata, la Delia Nivolelli, ha grandi potenzialità operative ancora inespresse, ma la vedremo affermarsi nei prossimi anni.

Il grande exploit dei vini siciliani nel mondo porta indiscutibilmente la firma dei vini trapanesi e di tante cantine – private e sociali – che operano nel suo territorio.

Sono site nella provincia di Trapani le seguenti cantine: Florio, Pellegrino, Donnafugata, Fazio Wines, Firriato, Cantina Trapani, Intorcia, Lombardo, Frazzitta, Europa, Mothia, Nuova Agricoltura, De Bartoli, Miceli, Mineo, Lombardo, Pipitone Spanò, Alagna, Abraxas, Birgi, Casano, Case di Pietra, Ceuso, D’Ancona, Cantina Ericina, Fici, Marino, Martinez, Paolini, Promed, Rallo, Saturnia, Terre di Salemi, Vinci Vini, San francesco, Colomba Bianca, Baglio Hopps, ma ce ne sarebbero tante altre da citare.

Tra le aziende presenti

– Carlo Pellegrino di Marsala, azienda centenaria tra le più rappresentative della provincia, con i suoi vini da tavola Duca di Castelmonte e con i Marsala DOC, tra i quali spicca il Fine Ruby.

– Tenute di Donnafugata con cantine a Marsala e Pantelleria, tra le più celebrate e premiate aziende vinicole siciliane.

– Vinci Vini di Marsala, piccola cantina produttrice del più famoso zibibbo ad IGT Sicilia, un vino dolce naturale che ha conquistato i palati degli intenditori.

– Cantina di Trapani, produttrice del più importante Cabernet Sauvignon d’Italia, il Terre Forti di Sicilia, Medaglia d’Oro al Concorso Nazionale del VinItaly, premiato a Torgiano, “tre bicchieri” nella Guida 2002 del Gambero Rosso e 92 punti nella recente Guida di Luca Maroni.

– Centonze – Sicilia Vera: ormai non hanno bisogno di presentazioni i suoi titolari, gli enologi Giovanni, Nicola e Carla centonze, tutt’ora tecnici della Cantina Trapani e di Abraxas, oggi produttori in proprio di vini eccellenti, come il Nero d’Avola Viola del Pensiero.

– Azienda Agrituristica Archeologica di Cimillia: dietro questa ragione sociale arcana si cela l’ultimo erede delle più antica dinastia di produttori di Moscati e Passiti di Pantelleria, Roberto Casano; Bonsulton, il suo capolavoro.

– Az. agr. Ajello: pochi vini ma veri cru, di un vitivinicoltore tra i più completi della provincia, distribuiti da Classica.

– Case Sparse, azienda vitivinicola ed olearia di un produttore svizzero in Sicilia, creata per soddisfare le sue esigenze qualitative.

– Baglio Hopps: al suo debutto sui mercati, ma la famiglia Hopps, di origine inglese, detiene il primato di avere fondato questo marchio nel 1811, vent’anni prima dei Florio; in degustazione i bianchi Grillo, Bianca delle Gazzere e Sulana.

– Cantina Blandano: appartiene alla famiglia Spezia di Valderice e si è affermata per il positivo rapporto qualità/prezzo dei suoi vini.

– Foraci: è di Mazara del Vallo questa cantina specializzata in vini biologici.

– Miceli è tra le cantine più premiate dalla Guida di Luca Maroni: straordinari i vini rossi e i bianchi, stupefacenti i vini dolci naturali, i liquorosi ed i passiti DOC di Pantelleria, isola dove l’azienda – che fa parte del gruppo MID – possiede terreni ed una cantina modello.

– Abraxas: è in produzione da sole due vendemmie, ma il suo Passito di Pantelleria DOC, al momento unico prodotto, ha il massimo punteggio nella sua categoria nella Guida di Maroni 2002 .

– Oleificio Colicchia: ha sede a Marsala ed è un frantoio specializzato in produzione di olio extra-vergine di oliva; a Bergamo degusteremo l’olio verde nelle tipogie fruttato intenso e leggero, ancora in spremitura.

di Claris