Tutto l’amore che c’è

febbraio 19, 2001 in Arte da Momy

Quale giorno migliore di quello di San Valentino per inaugurare la mostra del papà dei fidanzatini più visti in tutto il mondo? Si apre oggi, presso il Museo dell’Automobile, la mostra dedicata a Peynet, organizzata dalla Regione Piemonte. La rassegna curata da Dino Aloi e Emilio Isca, rappresenta la prima grande antologica a livello internazionale dedicata all’artista francese, scomparso due anni fa alla veneranda età di 90 anni.

L’esposizione vuole far conoscere al pubblico sia il Peynet che ha sempre sperimentato, attraverso una laboriosa ricerca, nuove forme espressive, sia l’artista ben conosciuto da molte generazioni del XX secolo. Tutti, infatti, conosciamo il vignettista che con la sua arte inimitabile è riuscito, evitando di tracciare i contorni della passione e dell’attrazione tra due amanti, a concentrarsi sull’insieme di emozioni che ci sono prima e dopo, quella serie di suggestioni che non si possono descrivere con una parola o con un concetto.

Perché questi due adolescenti che si librano felici nell’aria liberi da ogni pensiero hanno riscosso tanto successo? Forse la spiegazione giusta è quella di Max Favalelli: “Tra le drammatiche notizie in mezzo ad una pagina di giornale, ecco che si affacciano le vignette di Peynet, dando al lettore sensazione di gioia, di umorismo e di poesia”.

Peynet per esprimere al meglio la sua grande carica emotiva ha utilizzato un’infinità di tecniche, consolidate ed innovative, cercando non tanto di stupire quanto di attrarre il pubblico. Proprio per questo motivo le sue opere sono per tutti, senza distinzione di età, classe sociale o nazionalità.

Oggi finalmente, dopo tante mostre tematiche, ecco un’esposizione completa del suo repertorio artistico. Nella mostra sono esposte, oltre a 100 vignette degli innamorati, quelle che hanno reso celebre l’autore, “Valentin et Valentine” (nati nel 1942, davanti al chiosco della musica di Valence), litografie, studi per costumi e scenografie, acqueforti, porcellane, bambole, cartoline, manifesti pubblicitari, libri e giornali, disegni e schizzi realizzati durante un viaggio in Italia, dalle Dolomiti a Napoli, bozzetti inediti realizzati per pubblicità internazionali, foulard, carte da gioco.

Per la prima volta inoltre sono esposti i disegni realizzati per lo story board del film “Il giro del mondo degli innamorati di Peynet”, prodotto in Italia nel 1974. Una mostra, insomma, molto ricca, con oltre 300 pezzi.

I migliori vignettisti italiani e francesi, infine, si sono appositamente cimentati nella realizzazione di personalissimi omaggi a Peynet, evento questo che rende l’esposizione un avvenimento di sicura rilevanza internazionale, assolutamente da non perdere!

Buon San Valentino a tutti!

Peynet – Tutto l’amore che c’è

Luogo: Museo dell’automobile – c.so Unità d’Italia 40 – Torino

Periodo: 14 febbraio – 16 aprile 2001

Informazioni: tel. 011.677.666/7/8

di Monica Mautino