TST: si parte con Romeo&Giulietta

settembre 29, 2005 in Spettacoli da Stefania Martini

Romeo&GiuliettaIn occasione del prestigioso traguardo dei cinquant’anni di attività, il Teatro Stabile di Torino propone un importante Progetto Internazionale che segna l’avvio di una stagione straordinaria, come ha sottolineato il direttore della Fondazione Walter Le Moli: Festeggiando i suoi cinquant’anni, il TST ha scelto di rivendicare il suo ruolo di istituzione culturale della città di Torino e di confrontarsi sistematicamente con la fluidità del contemporaneo, senza però, al tempo stesso, dimenticare la storia.

Nel cartellone del TST compaiono anche segnali complessi, che diventano un affondo analitico sulle tensioni e le contraddizioni del nostro presente: a partire dal confronto con la grande scuola teatrale dell’Est Europa.

Quattro gli spettacoli internazionali proposti in questa stagione dal TST: i primi due, Romeo ir Džuljeta (Romeo e Giulietta) di William Shakespeare, con la regia di Oskaras Korsunovas, prodotto dall’OKT/Vilnius City Theatre e Médeia (Medea) di Euripide, con la regia di Gábor Zsámbéki, prodotto dal Katona József Színház, sono presentati dal TST in collaborazione con il Teatro di Roma e l’UTE/Union des Théâtres de l’Europe; il terzo, Maskarad (Un ballo in maschera) di Mikhail Lermontov, con la regia di Temur Chkeidze, prodotto dal Tovstonogov Academic Bolshoy Drama Theatre con il patrocinio della Fondazione Centro per lo Sviluppo dei Rapporti Italia-Russia, arriva a Torino in esclusiva per l’Italia.

Infine, nel mese di gennaio, tornerà a Torino l’applauditissimo SLAVA’S SNOWSHOW, creazione e messa in scena di SLAVA presentato dall’ATER in collaborazione con SLAVA & Gwenael Allan.

Lo spettacolo Romeo ir Džuljeta di Shakespeare, con la regia di Oskaras Korsunovas, inaugurerà ufficialmente la Stagione di prosa 2005/2006 della Fondazione del Teatro Stabile di Torino.

Oskaras Korsunovas, astro nascente, ma ormai internazionalmente affermato, del teatro lituano, arriva a Torino con uno dei suoi più recenti capolavori. Romeo ir Džuljeta, il classico dramma d’amore shakespeariano, con Korsunovas, diventa un’inquietante indagine sul senso della morte e della vita, ambientato in un “set” irriverente ed originale.

L’allestimento di Romeo ir Džuljeta ha debuttato all’Hebbel Theater di Berlino nel 2003: spettacolo pluri-premiato, vede la struggente storia dei due amanti veronesi ambientata in una cucina, una sorta di pizzeria anni Cinquanta, dove, tra farina e lieviti, pentole e tegami, si consuma la tragedia.

Romeo e Giulietta di Shakespeare è generalmente considerata come la celebrazione dell’amore romantico. In circostanze drammatiche, un amore comune viene investito da un potere tragico di altissimo livello. Ciò che mi interessa di più in questa tragedia è come l’amore emerga e si sviluppi in un’atmosfera di odio e guerra come accade a Verona.

Per gli dei, l’amore nasce dall’odio, in un modo che supera l’odio. Forse l’odio stesso nasce dal nulla. L’esempio di Montecchi e Capuleti è eloquente, poiché nessuno conosce la ragione della loro inimicizia. È stata dimenticata molto tempo fa, è diventata una tradizione. Spesso nutriamo tradizioni che sono causa di conflitto da differenze presunte, e così manteniamo l’odio in vita.

In questa produzione, volevo analizzare come l’odio dia forma alla differenza e diventi terreno comune. L’amore nega la differenza. Solo l’amore può mostrare che non c’è essenzialmente conflitto tra i due clan.

L’amore rende liberi e nella libertà non vi sono opposizioni. Tristemente, Romeo e Giulietta scoprono la libertà solo nella morte. Entrambi figli unici, con la loro morte muoiono anche le loro famiglie. Il sacrificio della libertà distrugge non solamente la modernità a cui danno vita questi fanciulli, ma anche la tradizione che i loro genitori desiderano proteggere.

Spettacolo in lingua lituana con sopratitoli in italiano.

Romeo ir Džuljeta

29 – 30 settembre 2005, ore 20.45

Teatro Carignano, Piazza Carignano 6, Torino

Biglietteria TST: Piazza Carignano 6, tel. 011 5176246.

Vendita telefonica: tel. 011 5637079 (dal martedì al sabato, orario 12.00/18.00)

Numero verde 800 235 333 – Info 24 ore su 24 tel. 011 5169490

www.teatrostabiletorino.it

di Stefania Martini