Torna Notre-Dame de Paris

marzo 5, 2003 in Spettacoli da Marinella Fugazza

33944Sono passati oggi trecentoquarantotto anni sei mesi e diciannove giorni da quando i parigini furono svegliati dai rintocchi di tutte le campane che suonavano a stormo nella triplice cerchia della Cité dell’Università e della Municipalità.

Eppure non è un giorno di cui la storia abbia tramandato il ricordo, quel 6 gennaio 1482


Questo è l’Incipit de Il gobbo di Notre-Dame, un libro il cui autore viene periodicamente portato alla ribalta grazie anche ad un altro suo indubbio capolavoro: I Miserabili. Victor Hugo scrisse Notre-Dame de Paris a soli ventotto anni, nel 1830, e lo diede alle stampe l’anno dopo riscontrando un immediato successo: “Notre-Dame ha quindi della gioventù o della prima maturità gli entusiasmi della scoperta, la foga dei messaggi”, come scrive in una sua recensione alle versione italiana del libro il critico Goffredo Fofi.

Numerose sono state le trasposizioni cinematografiche del grande classico popolare senza tempo: esiste una superba versione muta con Lon Chaney e Ruth Miller; una grandiosa e bellissima versione sonora (sicuramente la più conosciuta) con Charles Laughton e Maureen O’Hara; una fantastica e tenerissima versione animata di Walt Disney.

33945(1)

Riccardo Cocciante, Luc Plamondon e Pasquale Panella hanno avuto la giusta intuizione, in un periodo in cui i musical hanno ricominciato ad interessare il grande pubblico, di tramutare in uno spettacolo canoro il tragico amore del gobbo Quasimodo per la bella zingara Esmeralda; dal giorno del suo debutto nel 1998 a Parigi ha ottenuto un successo travolgente in tutto il mondo: oltre 8.000.000 di spettatori, con più di 10.000.000 di dischi venduti.

Lo spettacolo dei grandi numeri torna a grande richiesta al PALASTAMPA dal 5 al 10 marzo; David Zard, il produttore italiano, l’aveva promesso a conclusione delle 15 repliche di “Notre Dame de Paris” lo scorso settembre a Torino: 60.000 spettatori in 15 date che non riuscirono ad esaudire però tutte le richieste.

Sabato 8 e domenica 9 si terranno due spettacoli: alle 16.00 e alle 21.00. Inoltre, l’8, in occasione della Festa della Donna, “Notre Dame de Paris” rende omaggio al gentil sesso con uno sconto del 20% per tutte le donne e per ogni ordine di posto (compatibilmente con la disponibilità e fino ad esaurimento), sia per la rappresentazione pomeridiana che per quella serale.

Dodici sono gli artisti impegnati a dare vita alla tragica e romantica storia ambientata in una Parigi tardomedioevale in cui si mescolano lo spettrale profilo della basilica di Notre-Dame, abitata dal gobbo Quasimodo (interpretato dal torinese Fabrizio Voghera), e la notturna Corte dei Miracoli, dove risplende la bellezza di Esmeralda; essi sono accompagnati da sessantacinque ballerini, acrobati e breaker.

Per tutti coloro che sono rimasti e rimarranno conquistati dalla grandiosità e dalla bellezza della storia e volessero approfondire la conoscenza della stessa non rimane altro che procurarsi il libro disponibile anche in versione economica. Nel frattempo, per suscitare la vostra curiosità e prepararvi a ciò che vedrete nell’attesissimo musical, vi riassumo il romanzo che narra il diverso, il perverso e l’amore contrastato.

Riassunto

Quasimodo, il gobbo di Notre-Dame, costretto dalla sua bruttezza a guardare il mondo dall’alto di una torre, un giorno si innamora perdutamente di Esmeralda che vede ballare e cantare sulla piazza davanti alla cattedrale. Esmeralda, a sua volta, è però innamorata di Febo, il bel capitano delle guardie del Re; lo stesso Febo è fidanzato con Fiordaliso, una giovane e ricca borghese. La bellezza esotica e sensuale della gitana non lascia indifferente l’uomo che da subito se ne invaghisce. Anche Frollo, l’arcidiacono della cattedrale, è segretamente attratto dalla zingara e, spiando le mosse dei due amanti, in un raptus di gelosia pugnalerà Febo alle spalle in modo da sbarazzarsene. Esmeralda viene arrestata con l’accusa di aver tentato di uccidere il capitano delle guardie e gettata in prigione. Frollo, approfittando della situazione, offre libertà alla donna in cambio del suo corpo. Esmeralda inorridita rifiuta l’offerta. Quasimodo libera Esmeralda e la nasconde nella sua torre. Ma Clopin, amico di Esmeralda e suo protettore, fraintendendo le intenzioni di Quasimodo, attacca la cattedrale, mettendosi a capo di una rivolta, per liberare la bella gitana. Nel tentativo di sedare la rivolta, Febo ed i suoi uomini mettono a ferro e fuoco la cattedrale ed uccidono Clopin. Il povero Quasimodo, credendo che Febo voglia liberare Esmeralda, consegna la donna a Frollo che a sua volta la consegna alle guardie. Per Esmeralda è la fine: in realtà Febo vuole la sua morte, perché solo così potrà sposarsi con la sua ricca fidanzata. Quasimodo, dopo aver assistito all’impiccagione della sua amata, resosi conto del tradimento dell’arcidiacono, folle di rabbia getta Frollo dalla torre. Distrutto dal dolore, il gobbo conduce il corpo dell’amata alla fossa comune dove si lascerà morire al suo fianco.

Notre-Dame de Paris

Periodo: dal 5 al 10 marzo 2003

Luogo: Palastampa – Torino

Informazioni: tel. 011.535.529 (Metropolis)

PREZZI: (comprensivi di prevendita)

Feriali:

Poltronissima: 40,00 euro

1° poltrona : 30,00 euro

2° poltrona… : 20,00 euro

Venerdi e Sabato sera e Domenica pomeriggio:

Poltronissima: 55,00 euro

1° poltrona: 45,00 euro

2° poltrona: 22,00 euro

8 Marzo pomeriggio e sera “SPECIALE DONNE”: sconto 20% tutti i settori

Riduzioni 20% : bambini dai 6 ai 12 anni.

Riduzioni 10% : gruppi oltre 20 persone; affiliati CRAL; abbonati Teatro Regio; soci AIACE;

Informatre (sportello Terza Età).

di Marinella Fugazza