Torino più inglese

novembre 22, 2001 in Enogastronomia da Claris

Oltre 200 tour operator britannici, quelli facenti capo all’AITO, l’Associazione dei Tour Operators Indipendenti Britannici, sono da oggi a Torino per il loro Convegno Annuale. La scelta della nostra città per questa particolare occasione, che vede la celebrazione dei 25 anni dalla fondazione, è significativa della considerazione positiva che la nostra città sta raccogliendo presso gli operatori esteri, sia per l’indiscutbile miglioramento edilistico – urbanistico, sia soprattutto per le riconosciute capacità organizzative che rendono finalmente fruibili in maniera semplice le bellezze artistiche e storiche presenti.

Fino a sabato, dunque, al Centro Congressi del Lingotto si parla inglese!

La scelta di Torino, non è ovviamente, stata casuale: la candidatura è stata attentamente preparata e gestita da Turismo Torino, l’Agenzia di Accoglienza e Promozione Turistica dell’Area Metropolitana di Torino.

Per la città di Torino è, infatti, un riconoscimento notevole di crescita una ‘sprovincializzazione’. E’ da maggio scorso, data della scelta e della visita di ispezione da parte del Presidente e del Direttore Generale de l’AITO che si stanno curando i dettagli per rendere piacevole il soggiorno agli ospiti britannici.

Il Convegno AITO vede la partecipazione di oltre 200 rappresentanti dei tour operators britannici specializzati per destinazione e tipo di viaggio (culturale, sportivo, eno-gastronomico, natura ecc…), tutti ospiti presso l’hotel Le Meridien Lingotto. Il luogo sede dei lavori, ovvero l’ex stabilimento automobilistico europeo, ora stupefacente struttura multiservizi realizzata dall’architetto Renzo Piano, srà solo una tappa ‘burocratica’.

I convegnisti vengono, infatti, accompagnati alla scoperta delle bellezze di Torino e della regione Piemonte prima e dopo il Convegno. In particolare all’inizio della settimana prossima è previsto un tour dettagiato alla scopert delle bellezze storico, artisico, naturalistiche del Canaves.

E’ una grande opportunità quindi per Torino e il Piemonte questa per presentarsi al meglio ai decision-makers di importanti tour operator e a opinion leader dell’industria turistica britannica, senza considerare il forte impatto promozionale sulla stampa di settore. L’importante vittoria giunge a coronamento di numerose iniziative che vede l’Agenzia in prima linea nella promozione della ‘Grande Torino’ in Italia e in Europa e nello specifico in Gran Bretagna. Ottimi i risultati ottenuti sul mercato inglese grazie alla costante partecipazione al World Travel Market di Londra, all’organizzazione di presentazioni ed educational per la stampa e per gli operatori del settore turistico. Torino e i suoi dintorni è presente infatti nei cataloghi di oltre 10 tour operators britannici tra cui Cresta Holidays, Magic of Italy, Travelscene e Bridge Travel. L’Osservatorio Turismo Torino ha inoltre rilevato che nel 2000 su un milione e settecentomila turisti, la metà dei visitatori è arrivata dall’Europa ed in particolare dalla Francia seguita dall’Inghilterra.

di Claris