Teatro Fuori Luogo

ottobre 27, 2002 in Spettacoli da Redazione

32291(1)E’ iniziata venerdì 25 ottobre la seconda parte della rassegna di teatro di ricerca organizzata dalla SantiBriganti di Torino, “Teatro Fuori Luogo – voci erranti spazi narranti”: la rassegna – scrive la compagnia nel programma – “nasce all’inizio della scorsa stagione teatrale, quando la compagnia si interrogava sul proprio percorso e sul ruolo che svolgeva da dieci anni sul territorio moncalierese e torinese”. SantiBriganti Teatro nasce nel 1992. L’esigenza primaria della compagnia è quella di cercare di creare e rappresentare spettacoli assolutamente rispettosi delle differenti tendenze artisitche di cui si compone il gruppo.

Differenze, per SantiBriganti, diventa sinonimo di forza, confronto e stimolo. Nel 1996 creano il Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore, curato e diretto da Domenico Castaldo. La prima tranche della rassegna nasceva da un’esigenza di considerare il teatro in primo luogo come forma primaria di comunicazione fra gli individui, che trova sua piena espressione e necessità in spazi dimenticati da valorizzare, divenendo essi stessi parte integrante dell’azione teatrale. Inoltre, altro obiettivo era (e resta) quello di valorizzare giovani attori per una drammaturgia contemporanea, fatta di nuovi e promettenti autori, di interessanti sperimentazioni di scrittura, della capacità di attingere a diverse fonti più o meno legate alle tradizioni.

Per la seconda parte della rassegnata la SantiBriganti ha scelto cinque spettacoli nati da un interessante lavoro di ricerca sul linguaggio e sull’azione condotto da compagnie che provengono da diverse regioni d’Italia: il Teatro Club dal Friuli, Le trame di Calibano dal Veneto, Scena Verticale dal cuore della Calabria e il CIRT da Milano. Verrà inoltre nuovamente presentato lo spettacolo realizzato dal Laboratorio Permamente di Ricerca sull’Arte dell’Attore della compagnia che organizza la rassegna: “Le Argonautiche” con la drammaturgia e la regia di Domenico Castaldi. La rassegna inizia venerdì 25 ottobre con lo spettacolo “Nati in casa” del Teatro Club all’Ecomuseo Fornace Arena Spazio Permanente a Cambiano (Torino).

Si prosegue il 9 novembre con “Macbeth” de Le terme di Calibano al Real Collegio Carlo Alberto di Moncalieri (Torino), quindi il 22 e 23 novembre con “La stanza della memoria” presentato da Scena Verticale al Teatro Civico Mattetotti di Moncalieri. Sempre al Teatro Civico Matteotti andrà in scena il 4, 5 e 6 dicembre “Le Argonautiche” del Laboratorio di SantiBriganti. Chiuderà la rassegna “Vassilissa – un eroe al femminile” del CIRT (Centro Indipendente di Ricerca Teatrale) il 20 e 21 dicembre alle Fonderie Teatrali Limone di Moncalieri.

Teatro fuori luogo

voci erranti spazi narranti

stagione teatrale 2002 – seconda parte – dall’autunno all’inverno

  • Ven. 25 ottobre 2002

    Nati in casa – regia di Massimo Somaglino

    Ecomuseo Fornace Carena (Cambiano)

    compagnia Teatro Club (Udine)

  • Sab.9 novembre 2002

    Real Collegio Carlo Alberto (Moncalieri)

    Macbeth – scritto e diretto da Nevio Gàmbula

    compagnia Le trame di Calibano (Verona)

  • Ven. 22 e Sab. 23 novembre 2002

    La stanza della memoria – regia di S. La Ruina e D. De Luca

    Teatro Matteotti (Moncalieri)

    compagnia Scena Verticale (Castrovillari – Cosenza)

  • da Mer. 4 a Ven. 6 dicembre 2002

    Le argonautiche – regia Domenico Castaldo

    Teatro Matteotti (Moncalieri)

    compagnia Laboratorio Permanente di Ricerca sull’Arte dell’Attore

  • Ven. 20 e Sab. 21 dicembre 2002

    Vassilissa – regia di Mario Ruggeri

    SantiBriganti Teatro (Torino)

    Fonderie Teatrali Limone (Moncalieri)

    compagnia Centro Indipendente di Ricerca Teatrale (Milano)

    di Alan Vai