Sudore | Sudate Carte Componimenti poetici I edizione

dicembre 16, 2002 in Sudate Carte da Redazione

Steso sul pavimento trovo tutto più freddo,
Il mio corpo caldo, le mie membra hanno ancora bisogno di te, anima ribelle che mi delizi di vita.
La sabbia riflette uno stato d’animo ma il sudore,
Quello vero che lascia la goccia, non si scatena quando ho un tetto sopra di me, ma per la sua assenza.
Libera di pensare l’anima vaga e il corpo rimane immobile di fronte ad una chiesa e mentre
Pronunci qualche sillaba ecco che sudi
Forse in previsione della vita che passa e che ti trascina nell’infinito vortice dell’esistenza.
Ancora di salvezza ancora quella goccia di sudore che ti fa sentire vivo.Ho perso un’altra goccia, sto vivendo.
Come fai anima ad essere legata al corpo da una goccia?
• Grondante di vita mi avvicino ad un’altra avventura. Sudo. Le occasioni non mi mancano e continuo a pensare, a mangiare, a lavarmi per poi risudare.

di Vincenzo Nuara