Storia d’amore e d’anarchia

novembre 5, 2003 in Spettacoli da Redazione

DesioElioInizia alla grande la stagione 2003-2004 del Teatro Giacosa di Ivrea. Lina Wertmuller dirige una bellissima Giuliana De Sio ed un istrionico Elio (sì quello delle Storie Tese!) in “Storia d’amore e d’anarchia”, testo con il quale questa commedia in versione cinematografica vinse il Festival di Cannes del ’73 portando la grintosa Wertmuller alla ribalta internazionale.

La storia si svolge nell’Italia degli anni ’30, quando le puttane e l’anarchia erano passioni romantiche ancora ben lontane dalle odierne parentele con lo sfruttamento ed il terrorismo. Il giovane Tunin, umile contadino lombardo, vuole andare a Roma ad uccidere Benito Mussolini per vendicare l’assassinio di un suo vecchio amico anarchico. Nella città eterna, però, s’imbatte nelle grazie di Salomé, anarchica prostituta della lussuosa Maison di Madama Aida, che lo accoglie compassionevole. Nel bordello Tunin conosce la giovane Tripolina, finita a far marchette da bambina e con un padre morto in guerra da vendicare. I due giovani, uniti dai dolori della vita, hanno una storia d’amore per due bellissimi giorni che, citando il Tunin, “è qualcosa che tanti non ce l’hanno neanche avuta mai.”

Con questa commedia musicale la regista mette il dito in due piaghe della nostra società con acume ed ironia. Lo fa presentandoci uno spaccato dell’Italia di settant’anni fa ed è come vedere un cucciolo di coccodrillo: fa tenerezza, strappa un sorriso ed è abbastanza innocuo, ma col passare del tempo diventerà incontrollabile, feroce, indipendente.

Fino a qualche decennio fa non era raro avere in famiglia un nonno anarchico di cui andar anche abbastanza fieri, così come era comune che un padre raccontasse le goliardiche esperienze nei casini e il lutto al braccio portato nel giorno dell’emanazione della Merlin. Adesso è tutto più difficile, più triste, più pericoloso ma questa “Storia d’amore e d’anarchia” ha tutte le doti per far riflettere, divertire ed ascoltare buona musica dal vivo.

L’appuntamento per stasera e domani alle ore 21 al Teatro Giacosa di Ivrea è di quelli da segnare in agenda, perfetto per tutti i tipi di palato.

Ed è solo l’inizio di una fantastica stagione teatrale, superbamente organizzata dall’Associazione Il Contato del Canavese e che si preannuncia di grandissimo livello con produzioni proprie, spettacoli ospiti, lirica, operetta e cabaret. Stagione di cui vi consigliamo di prendere visione all’indirizzo www.teatrogiacosa.it per non rischiare di farvi sfuggire eventi come quello di questa sera.

di Jean Gasperi