Spontaneità carnali

ottobre 4, 2002 in Arte da Claris

32031


Il titolo di una mostra, come di un film, come di un libro, può facilmente essere ingannevole: basta usare una parola d’appeal, che incuriosisca, e il gioco, anzi il disastro, è compiuto! Perché poi gli spettatori, i fruitori della performance artistica, si sentono raggirati…

Il titolo (‘Spontaneità carnali’) della mostra di Angelo Brugnera, da domani, e per un mese ancora, a Chieri, in quello splendida nicchia di iniziative originali e brillanti che è Cornici & Design, (non) vi inganni! Le attese contenute nelle due parole del titolo vengono pienamente soddisfatte dalla vista delle sculture in esposizione. Nell’atelier artistico di Francesco Longo, sono infatti presentate dodici opere tra le più significative dell’artista Brugnera, di cui sei sculture in sei materiali differenti tra pietre e marmi e sei quadri polimaterici.


[Rosa del mare]


[Maternità]


[Entità sospesa]


[Danza d’ali]


[Danza carnale]


[Abbracciando]

Forme morbide, allusive e conturbanti, provocanti e seducenti, mai impudiche, mai esagerate, ma piccanti il giusto per faci riflettere, ritrovare i nostri sogni più reconditi e continuare con le nostre fantasie ad immaginarci in luoghi appartati e senza tempo. Ecco, una delle sensazioni più intense che sorge osservando, ad esempio, ‘Rosa del mare’ e ‘Maternità’, è quella del fluire ineluttabile del tempo. Attenzione, non è una visione pessimistica, ma gioiosa, perché il ripetersi delle azioni, degli avvenimenti, significa che anche per le cose belle non esiste solo il ‘mordi e fuggi’, ma la possibilità di riavere momenti belli, piaceri inaspettati. Ed allora qualcosa meglio di una conchiglia rappresenta questi concetti, con la sua possibilità di riascoltare sempre il dolce suono del mare, con quel suo rutilare romantico e nostalgico, che sa di tramonti arrossati ed albe scintillanti? Ed ancor di più il miracolo della creazione, della nascita e dell’amore sintetizzano la vita dell’uomo e la sua permanenza oltre la vita!

In ‘Abbracciando’, poi, Brugnera rappresenta un gesto tanto semplice, quanto efficace, se spontaneo, nell’unire due persone oltre le normali attività quotidiane, oltre le parole, dette o scritte!

Se ‘Entità sospesa’ lascia una grande libertà di interpretazione sul significato della gravità, della vita tra le nuvole (in senso materiale e figurato!), ‘Danza Carnale’ è perfetta nel proiettare le nostre menti in paludi e labirinti mentali senza uscita, con atmosfere languide ed eccitanti, con una compenetrazione perfetta delle forme bronzee scolpite da Brugnera. L’artista ama molto il tema della danza e con le sue opere ci trasmette in maniera molto espressiva il potere unificatore della stessa… del resto tra le prime immagine lasciate sui muri delle caverne dai nostri avi cosa c’era?…

Appuntamento, allora, per l’inaugurazione domani, sabato 5 ottobre, dalle 19.00, o fino al 5 novembre, per stupirsi con la rappresentazione di gesti ed azioni tanto naturali per l’umanità, quanto importanti e, purtroppo, a volte sottovalutati…

Spontaneità carnali di Angelo Brugnera

Periodo: dal 5 ottobre al 5 novembre 2002

Orario: 10.00 – 12.30; 16.00 – 19.30; chiuso lunedì e domenica

Sede: Cornici & Design – vicolo Romano, 1 – Chieri (To)

Informazioni: tel. 011.947.81.64 – e-mail: [email protected]

Ingresso: gratuito

di Claris