Sommese e Magallanes, due ali per Ferrante

settembre 20, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

Il Torino torna all’antico. Le condizioni non ancora perfette di Lucarelli dovrebbero infatti indurre Camolese a rispolverare la vecchia formula offensiva con una sola punta centrale supportata da due esterni. Contro la Lazio, l’ex attaccante del Lecce partirà, dunque, dalla panchiina, lasciando in avanti il solo Ferrante, al sosrtegno del quale giocheranno Magallanes a sinistra e Sommese a destra. Le condizioni del piede infortunato di quest’ultimo sono nettamente migliorate rispetto alla scorsa settimana e, pur avvertendo ancora un leggero dolore al momento di calciare, Sommese dovrebbe stringere i denti per esserci contro i biancocelesti. “Scenderò in campo solo se starò bene. – avverte il diretto interessato – Comunque, oggi come oggi, penso proprio che ce la farò”.

Sabato scorso Sommese ha potuto solo essere presente come spettatore alla sfida di San Siro ed assistere dal di fuori alla sconfitta dei suoi compagni contro l’Inter ha solamente acuito la sua voglia di tornare in campo: “Non vedo l’ora di giocare e di confermarmi non ai livelli della mia precedente esperienza con il Torino ma a quelli di Vicenza e Piacenza. A San Siro ho visto una squadra che non ci stava a perdere, purtroppo l’Inter ha segnato alla prima occasione. Nel complesso, non mi sembra però che i ragazzi abbiano demeritato”.

La pesante eredità di Asta ed il fatto di essere indicato come il principale asssit-man per gli attaccanti granata non spaventano l’ex giocatore del Piacenza: “Mi fa piacere che ci sia fiducia nei miei confronti, ma non credo di essere il salvatore della patria, anche perché ci sono altri giocatori bravi a crossare o a fare i passaggi. Inoltre, non vorrei che una mia eventuale assenza diventasse un alibi”. Riguardo all’ipotesi, paventata da Camolese, di schierarlo in alcune occasioni nel ruolo di interno, Sommese ha le idee chiare: “Sono ormai alcuni anni che non gioco nella posizione di centro-destra, ma se le indicazioni del mister dovessero essere queste cercherò di farmi trovare pronto. Comunque, stiamo lavorando anche per questo, anche se io mi sento soprattutto un esterno di destra”. Il laterale destro passa quindi a presentare la prossima sfida di campionato: “Finora nella mia carriera non mi è mai capitato di vincere contro la Lazio.

Domenica sarà una partita tosta, in quanto anche loro avranno il dente avvelenato per aver perso in casa contro il Chievo. L’arma vincente dei veronesi è stata il contropiede e questa dovrà essere la nostra tattica per domenica”. Il Torino ha intanto superato il tetto diecimila abbonamenti. Le tessere finora vendute sono esattamente 10.020. Per i ritardatari ci sarà tempo fino alla fine del mese. Gli abbonamenti potranno essere acquistati presso la biglietteria di via Allioni, mentre allo stadio si potranno comperare soltanto le tessere relative alle curve ed ai posti non numerati. Sono stati inoltre fissati i prezzi dei biglietti per la gara Torino-Lazio che variano dai 25 euro delle curve ai 50 della tribuna centrale.

di Giovanni Rolle