Sogno di una notte di mezza estate

gennaio 10, 2002 in Spettacoli da Roberto Canavesi

25269(1)Primo appuntamento del 2002 per il Teatro Tangram, la cui sala ospiterà nel fine settimana il “Sogno di una notte di mezza estate” di William Shakespeare nell’allestimento del gruppo La Tela di Aracne: una messinscena travagliata quella diretta dalla giovane regista Valentina Veratrini se è vero che lo spettacolo avrebbe dovuto veder la luce già l’anno scorso, poi rimandato all’ultimo per l’improvvisa defezione di una delle interpreti. Spiega la Veratrini:

“Ho iniziato a lavorare al Sogno nell’ormai lontano 1998: a muovermi da un lato la consapevolezza di poter disporre di soli sei attori, dall’altro il voler creare un lavoro che, pur mantenendosi fedele nell’impianto all’originale, permettesse un margine di libertà di intervento

Di qui l’idea di strutturare lo spettacolo come una giostra, un colorato e variopinto carosello dove ai protagonisti, impegnati ognuno in due o tre diversi ruoli, è richiesta grande capacità di adattamento.

I personaggi usciti dalla penna del Bardo sono per l’occasione reimmaginati e, per certi versi, “smitizzati”, resi più attuali e a noi più vicini. Prosegue la regista:

Oberon e Titania sono diventati due cartoni animati come se fossero usciti da un moderno manga giapponese; lo stesso Puck sarà sdoppiato con la componente intellettiva totalmente scissa da quella fisica, quest’ultima affidata ad un ballerino dalla stridula voce.

Una messinscena che si annuncia costruita sul contrasto estetico delle dimensioni, con un “molto grande” spesso accostato ad un “molto piccolo”, e sull’accentuato uso di un cromatismo scenico che troverà spazio e forma nei colorati e vivaci elementi in gommapiuma. Conclude la Veratrini:

Lo scopo è quello di far emergere la parte delirante del testo, tutta la suggestione di una tradizione celtica ad oggi identificata, certo in maniera troppo riduttiva, in folletti, maghi e fate.

Sogno di una notte di mezza estate

Tangram Teatro

Dall’11 al 13 gennaio – ore 21

Igresso: biglietti a 8 euro

Infromazioni e prenotazioni: 011.338.698

di William Shakespeare con Davide Bacco, Francesco Bruno, Emanuela Damasio, Gianluca Mischiatti, Filippo Tenaglia e Valentina Veratrini: scene di Lorenzo Rasello e Giampiero Cussotto, costumi di Osvaldo Montalbano.

Regia di Valentina Veratrini

di Roberto Canavesi