Sabina Guzzanti a Colonia Sonora

luglio 17, 2003 in Spettacoli da Momy

35247(1)

Dal 26 giugno Colonia Sonora occupa costantemente le serate dei torinesi, alternando concerti di valenza internazionale a serate nelle quali la comicità diventa la protagonista.

E così, sul palco della Certosa Reale di Collegno, dopo Serena Dandini, Zuzzurro e Gaspare, Cesare Vodani e i Fichi d’India arriva la protagonista assoluta della satira e della comicità italiana: Sabina Guzzanti.

Il suo nuovo spettacolo, Giuro di dire la varietà 2, scritto a quattro mani con il sempre ispirato, elegante e pungente Curzio Maltese, punta il dito sui problemi della vita quotidiana con i quali tutti noi ci troviamo, purtroppo, a combattere. E poi la politica e il paese reale, i giovani, l’informazione e la televisione, la cronaca macabra e i santi, gli intellettuali, la fiction, il terrorismo, la guerra e le armi, l’Iraq, gli psicopatici al potere.

Un mix arguto che Sabina riuscirà a rendere esplosivo, vestendo i panni di giornalisti noti e meno noti, macchiette che impersonificano i mezzi busti di oggi: da quelli salottieri e trasformisti a quelli carrieristi e opportunisti, da quelli della banalità conclamata, applauditi e osannati; a quelli megalomani che parlano di sé in terza persona. Come dimenticare poi gli psicopatici, quelli che… “amo la pace, la porterei in tutto il mondo anche se dovesse significare raderlo al suolo”.

Nelle due ore di spettacolo l’attrice romana si immedesima completamente nei sui personaggi, li interpreta, li apostrofa, li racconta, li fa interagire.

Insomma, dopo che abbiamo imparato a conoscerla attraverso una svampita Valeria Marini, una pervasiva suora di provincia,una tossica afflitta da pose sbilenche, una cartomante che smercia pareri di becera eugenetica, dopo che l’abbiamo vista calarsi nei panni (e nei volti) di Irene Pivetti, del “baffo” D’Alema e del Cavaliere Berlusconi, cosa possiamo ancora aspettarci da lei?

Scopritelo questa sera… l’appuntamento è alle ore 21.00! Sul palcoscenico insieme a lei la fisarmonica, il sassofono e la chitarra di Nicola Piovani.

di Monica Mautino