Questa sera Toro in campo a Brescia

gennaio 18, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

Sarà probabilmente la stessa squadra che domenica scorsa ha sconfitto l’Udinese quella che Camolese manderà in campo questa sera contro il Brescia. Come al solito, nella conferenza stampa della vigilia, il tecnico granata ha dribblato le domande sulla formazione; pertanto fino a stasera non si saprà se toccherà ancora a Ferrante fare coppia con Lucarelli in attacco, oppure se al suo posto giocherà Maspero. Ad insinuare il dubbio contribuiscono alcune dichiarazioni di Camolese sulla maggiore abilità dei giocatori tecnici a destreggiarsi sui campi ghiacciati.

Questa sera, oltre al Brescia, i granata dovranno infatti guardarsi da un avversario altrettanto insidioso, il freddo. Per questo motivo, durante la settimana sono stati provati tutti i tipi di tacchetti. E’ tuttavia la squadra di Mazzone ad impensierire maggiormente Camolese: “Dire che il Brescia sia una provinciale è riduttivo, perché si tratta di una squadra che negli ultimi anni ha investito molto, prendendo giocatori importanti come Baggio, Guardiola e Toni, che era uno dei prezzi pregiati dell’ultimo calciomercato; senza dimenticare che si sono qualificati per le semifinali di Coppa Italia”.

Nell’andata al Delle Alpi finì 3-1 per il Brescia. Una sconfitta che in casa granata brucia ancora, soprattutto perché in quell’occasione il Torino avrebbe potuto strappare almeno un pareggio, avendo gli uomini di Camolese sciupato un calcio di rigore con Pinga ed alla fine furono puniti da un penalty inesistente, per un presunto fallo, per giunta fuori dall’area, di Galante su Roberto Baggio.

Un’esperienza, quella dell’andata, di cui i granata dovranno cercare di far tesoro questa sera, come spiega lo stesso Camolese: “Dovremo assolutamente evitare di concedere spazi ai loro attaccanti. Questo è un campinato che non ti concede distrazioni e per questo, pur non rinunciando ad attaccare, dovremo stare molto attenti in copertura. A volte, come è successo all’andata, la voglia di vincere può indurre a mettere da parte la prudenza. E giocatori come Baggio, Tori o lo stesso Tare, che ci punì all’andata, sono lì, pronti ad approfittare della nostra minima distrazione”.

Camolese insiste quindi sul concetto già espresso in occasione dell’ultima partita: “Abbiamo il girone di andata come riferimento per fare meglio. Contro l’Udinese ci siamo riusciti, speriamo di fare lo stesso a Brescia”.Infine, il tecnico ha spezzato una lancia in favore di Ferrante e commentato la vicenda del contratto di Asta con una battuta sibillina: “Marco è una bella carta che ho a disposizione e sono contento di quello che ha fatto finora. Comunque, se ci sarà un rigore lo tirerà ancora Lucarelli. Per quanto riguarda Asta, anche quando dovevo rinnovare io erano spariti i moduli, poi tutto andò per il meglio”.

I granata sono partiti per Brescia con ventuno giocatori. Sono rimasti a Torino Franco e Martinelli, che alle 14,30 di oggi saranno in campo con la Primavera, impegnata al Ruffini nella gara di campionato contro il Parma.

Probabili formazioni

BRESCIA (3-5-2)

Castellazzi;

Bonera, Calori, Mangone;

Schopp, A. Filippini, Giunti, E. Filippini, Sussi;

Toni, Tare.

In panchina: Srnicek, Petruzzi, Yllana, Mero, Guana, Salgado, R. Baggio.

TORINO (3-5-2)

Bucci;

Galante, Fattori, Delli Carri;

Comotto, Asta, Vergassola, De Ascentis, Castellini;

Lucerelli, Ferrante.

In panchina: Sorrentino, Garzya, Mezzano, Scarchilli, Cauet, Maspero, Calaiò.

di Giovanni Rolle