Questa sera si recita a soggetto

febbraio 3, 2011 in Spettacoli da Gabriella Grea

No, vi prego, continuate a leggere, non si tratta di cronaca politica, è la mia solita e pacata recensione. Avete pensato che anche Il Traspiratore sia stato contaminato, pagando così il fio per essere up-to-date? No, con Pirandello andiamo sul sicuro, sarà sempre una garanzia di attualità, finche si rivolgerà ad un pubblico di “umani”. Quanto mai attuale Questa sera si recita a soggetto parla di teatro nel teatro, di attori, autori e maestranze, ma infine parla dell’uomo all’uomo, chè sul palcoscenico come nella vita bisogna saper stare fermi, ma anche essere pronti a scattare, in bilico su tempo e spazio (Michele Di Mauro).

Quest’opera segue Sei personaggi in cerca d’autore e Ciascuno a suo modo, concludendo la trilogia di Pirandello sul congegno teatrale. Se con Sei personaggi in cerca d’autore si propose di rappresentare plasticamente il mistero della creazione poetica, con Questa sera si recita a soggetto “[…] Ha smontato ancora una volta il congegno teatrale, presentandocelo nella sua laboriosa gestazione” (Francesco Berardinelli, La Stampa 1930). Fu allestito in prima italiana al Teatro Carignano di Torino il 14 aprile 1930, rappresentò l’occasione per riflettere sul teatro di quel tempo e gettò le basi per un progetto di teatro futuro. Il discorso pirandelliano sulla natura del teatro, sulle sue contraddizioni e sulla sua capacità di esprimere emozioni primarie, si intreccia con il teatro musicale, con l’irruzione sulla scena di brani del Trovatore. Verosimilmente Verdi viene scelto per la sua capacità di innovazione e sperimentazione, pertanto Virgino Liberti, a cui è affidata la regia dello spettacolo, reinterpreta la commedia pirandelliana secondo la cifra stilistica “di una tradizone tanto celebrata musicalmente, quanto misconosciuta teatralmente, il melodramma” (M. Martone).

Gisella Bein, Michele Di Mauro, Tatiana Lepore concorrono insieme al resto della compagnia a divertirci ed emozionarci, rendendo noi pubblico parte viva e vitale dello spettacolo, elidendo l’impalpabile confine tra dentro e fuori la scena.

CAVALLERIZZA REALE

dal 18/01/2011 al 06/02/2011

di Luigi Pirandello

con Michele Di Mauro, Gisella Bein, Riccardo Lombardo,

Tatiana Lepore, Simona Nasi, Rossana Gay, Francesca Rota, Amandio Pinheiro, Antonio Alveario, Mariano Pirrello, Pasquale Buonarota, Lino Musella, Massimiliano Poli

regia Virginio Liberti

scene e costumi Rita Bucchi

luci Marco Burgher

Fondazione del Teatro Stabile di Torino

Durata spettacolo: 1h e 40 minuti senza intervallo

Biglietteria Teatro Regio – Teatro Stabile,

piazza Castello 215, da martedì a venerdì

orario 10.30 – 18.00 sabato, 10.30 – 16.00

http://www.teatrostabiletorino.it/index.php?action=season&filter=cavallerizza

PUNTI VENDITA VIVATICKET – TORINO

LA BIGLIETTERIA via XX Settembre, 68h Torino

INFOPIEMONTE piazza Castello 165 – Torino

AGENZIE UNICREDIT BANCA (solo per i clienti della banca) presso gli sportelli delle agenzie convenzionate:

Torino Carducci via Nizza, 148 – Torino

Torino Caboto via Caboto, 35 – Torino

Moncalieri Vittorio Emanuele piazza Vittorio Emanuele II, 5 – Moncalieri, Torino

San Mauro Torinese Mochino piazzale Mochino 1 – San Mauro Torinese, Torino

di Gabriella Grea