Punto prezioso per un brutto Toro

febbraio 10, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

Quinto risultato utile consecutivo per il Torino di Camolese, che riesce a mantenere l’imbattibilità nel girone di ritorno acciuffando un pareggio nel finale contro un Piacenza coriaceo. La squadra di Camolese, eccessivamente rinunciataria, riesce ad evitare la sconfitta soltanto a 10’ dalla fine, dopo che il Piacenza era passato in vantaggio poco prima della mezz’ora nella ripresa. Gli spettatori del Delle Alpi hanno assistito ad una gara abbastanza brutta tra due squadre guardinghe. Camolese non vuol concedere il fianco al pericoloso contropiede del Piacenza e così nel primo tempo sono soprattutto gli emiliani a fare la partita.

Ma la prima palla-gol della sfida è una punizione di Scarchilli, all’8’, che per poco non sorprende Guardalben. Al 37’ Hubner si incunea pericolosamente in area granata e prova la girata che sorvola di poco la traversa. Prima dell’intervallo c’è una punizione dal limite per i granata: Ferrante calcia da fermo, provando la soluzione a foglia morta, che termina di poco alta sulla traversa.

Nella ripresa c’è subito un’occasione per Poggi con buona parata a terra di Bucci. Novellino, che nell’intervallo aveva lasciato negli spogliato l’infortunato Cardone per Cristante, mette in campo Caccia al posto di Poggi. Sull’altro fronte, Camolese cambia volto al centrocampo inserendo Maspero e Cauet al posto di Brambilla e Scarchilli. Nel secondo tempo il Toro subisce la maggior pressione degli emiliani e cerca di affidarsi soprattutto al contropiede, dove però Asta (festeggiato dal pubblico per la fresca convocazione in Nazionale) è in giornata di scarsa vena, forse anche perché il funambolo di Alcamo è frenato dall’assenza del rassicurante Comotto alle sue spalle. Al 28’ accade tuttavia il paradosso: se per tutta la partita il Toro si era arroccato temendo la pericolosità degli uomini di Novellino nelle azioni di rimessa, nell’unico contropiede degli ospiti il Piacenza passa in vantaggio. Sommese, ex col dente avvelenato, lancia in profondità Hubner, che a tu per tu con Bucci non fallisce il bersaglio.

Il Toro a questo punto le prova tutte per pareggiare. Camolese getta nella mischia anche la terza punta, Franco, inserendolo al posto di un De Ascentis davvero giù di corda, uscito tra i fischi del pubblico. Al 36’ i granata trovano un prezioso pareggio che permette ai granata di mantenere il Piacenza a quattro lunghezze. Una punizione di Lucarelli si stampa sulla barriera e sugli sviluppi Ferrante insacca.

Romero: scampato pericolo

Torino – Piacenza 1-1

  • Reti: 28’ st Hubner (P), 36’ st Ferrante (T).
  • Torino (3-5-2): Bucci 7; Galante 6, Fattori 6, Delli Carri 6; Asta 5.5, De Ascentis 4.5 (34’ st Franco sv), Brambilla 5.5 (17’ st Cauet 6), Scarchilli 6 (17’ st Maspero 6.5), Castellini 6; Ferrante 7, Lucarelli C. 6. All. Camolese. In panchina: Sorrentino, Garzya, Mezzano, Venturin.
  • Piacenza (4-4-2): Guardalben 6; Cardone 6 (1’ st Cristante 6), Lucarelli A. 6, Lamacchi 6, Tosto 6; Sommese 6.5 (38’ st Mora sv), Volpi 6, Matuzalem 6, Di Francesco 6; Hubner 7, Poggi 5 (13’ st Caccia 6). All. Novellino. In panchina: Orlandoni, Statuto, Abbate, Amauri.
  • Arbitro: Rodomonti di Roma.
  • Ammonito: Lamacchi (P).
  • Spettatori: paganti 3.539 per un incasso di 61.049 euro. Abbonati 11.597.

    di Giovanni Rolle