Primo giorno in azzurro per Asta

febbraio 11, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

Archiviata la deludente prestazione contro il Piacenza, che se non altro è servita a mantenere immutata la situazione in classifica, il Torino riprende oggi pomeriggio la preparazione ad Orbassano. Domenica prossima i granata saranno impegnati sul campo del Parma, una squadra che la cura Carmignani-Sacchi sembra aver rigenerato dopo la crisi di inizio stagione. Al Tardini Camolese recupererà Vergassola e Comotto, due giocatori che si sono rivelati fondamentali negli equilibri tattici della squadra granata e le cui assenze sono state avvertite in modo determinante nella partita contro il Piacenza. Probabilmente non è un caso che l’assenza di Comotto sia coincisa con una delle più brutte prestazioni di Asta, che domenica prossima tornerà però a godere della protezione del proprio “angelo custode” alle sue spalle.

Dal ritiro di Coverciano, dove si trova per la prima volta con la Nazionale, Asta ha commentato la propria prestazione contro il Piacenza: “Domenica non ho giocato una bella partita, anche se non è stata la peggiore dell’anno. E’ stata tutta la squadra a non esprimersi al meglio e di questo bisogna rendere merito al Piacenza, che ci ha saputo mettere in difficoltà. Probabilmente siamo entrati in campo un po’ tesi, in quanto avevamo la possibilità di compiere un significativo passo in avanti in classifica. Purtroppo questa squadra ha sempre dato il meglio nei momenti di difficoltà, mentre quando si è trattato di fare il salto di qualità non siamo riusciti ad esprimerci al meglio delle nostre possibilità, cosa che è accaduta puntualmente anche domenica. Il nostro obiettivo è comunque sempre la salvezza, per la quale ci sarà da lottare fino all’ultima giornata, visto che quest’anno i valori, ed anche la classifica, sono molto livellati”.

Asta ha anche parlato della propria situazione contrattuale: “Sono in scadenza di contratto. Tra una decina di giorni il mio procuratore, Beppe Galli, avrà un nuovo incontro con i vertici della società per il rinnovo. Ho sempre detto che il mio desiderio era di rimanere a Torino, perché qui c’è tantissima gente che mi vuole bene, anche se è ovvio che avendo più di trent’anni mi stia guardando intorno. Alla mia prima vera stagione in serie A sono riuscito a togliermi tante soddisfazioni, fino alla convocazione in Nazionale, una gioia che intendo condividere con i compagni e l’allenatore”.

Da oggi inizia intanto la prevendita per il derby, in programma il 24 febbraio. I tagliandi saranno posti in vendita presso la biglietteria del Torino Calcio in via Allioni 3. Gli abbonati potranno esercitare il diritto di prelazione fino a venerdì, mentre da lunedì prossimo la vendita sarà libera agli altri tifosi. Ai sostenitori della Juventus sono stati riservati la curva Sud ed il settore Est 4.

di Giovanni Rolle