Premiazione “Scrivere il Cinema”

novembre 2, 2005 in Attualità da Adriana Cesarò

Sceneggiature: Paola Sereno, Roberta Rabuti e Irish Braschi sono i vincitori della I edizione del concorso nazionale “Scrivere il Cinema”

Paola Sereno, Roberta Rabuti e Irish Braschi sono i vincitori della I edizione del concorso “Scrivere il Cinema” svoltosi, venerdì 14 ottobre, presso la Sala dei Presidenti del Consiglio Regionale del Piemonte a Torino.

Alla premiazione, sono intervenuti moltissimi giovani per applaudire la genialità e l’originalità che i vincitori hanno saputo esprimere attraverso le sceneggiature presentate al concorso.

Il concorso nazionale Scrivere il Cinema, indetto dal Premio Grinzane Cavour, d’intesa con la Consulta Regionale dei Giovani del Consiglio Regionale del Piemonte, ha invitato migliaia di giovani a confrontarsi con la scrittura cinematografica lanciando una sfida ai giovani attraverso il concorso Scrivere il Cinema. Ai giovani, è stato chiesto di scrivere una breve sceneggiatura inedita, un soggetto libero e originale da cui trarre un cortometraggio. Il tema dell’elaborato, poteva anche focalizzarsi sulla cultura del territorio e sulla valorizzazione del paesaggio come “location” per la produzione cinematografica.

Il concorso, suddiviso in Sezione Nazionale e Sezione Speciale Piemonte, ha visto pervenire da tutta Italia, quasi seicento sceneggiature tra le quali la Giuria del concorso, ha potuto scegliere i due elaborati giudicati migliori per originalità e qualità tecnica.

.cinema scrivere

Paola Sereno (torinese di 25 anni) ha vinto nella Sezione Speciale Piemonte con “Non come mio padre” è la storia di tre giovani che sono accomunati da un rapporto difficile con le rispettive famiglie e si ritrovano a vivere insieme nella Torino del Duemila. La sceneggiatura raggruppa i molti problemi che i giovani vivono: dal mondo della musica a quella dell’integrazione, passando tra gli innumerevoli conflitti che vivono a casa o tra gli amici – ha spiegato Paola Sereno – molto importanti sono le scelte delle canzoni. Spero di trovare presto una produzione che mi permetta di far conoscere ampiamente questo mio lavoro, dove ho riversato tutta la passione.

Roberta Rabuti (34 anni di Roma) e Irish Braschi (30 anni di Roma) si sono aggiudicati il premio “Sezione Nazionale” con la sceneggiatura, “Lettera da Madras”, è la storia d’amore tra un ragazzo indiano e una giovane egiziana, ambientata in un quartiere romano dove il razzismo e la violenza anche fra gli stranieri stessi sono all’ordine del giorno. Abbiamo raccontato quello viviamo e che circonda il nostro modo di vivere. La storia è il frutto di luoghi, di mestieri, di persone che vivono per strada.- ha spiegato Irish Braschi – Lo sguardo della gente e il loro modo di vivere la nostra cultura, storie che ci circondano, storie che ci regalano un reciproco scambio di cultura. Questo premio è il nostro primo orgoglio – dice Roberta Rabuti – il secondo è che abbiamo trovato già una produzione e il terzo è la speranza di vedere il film, nella speranza di far conoscere ampiamente la nostra sceneggiatura.

I vincitori hanno ricevuto in premio duemila euro.

I relatori intervenuti alla cerimonia sono stati: Davide Gariglio, presidente del Consiglio Regionale del Piemonte, Roberto Placido, vice-presidente del Consiglio Regionale del Piemonte e delegato alla Consulta dei Giovani, Giuliano Soria, presidente del Premio Grinzane Cavour e Liborio Termine membro della giuria.

Scrivere il Cinema consolida l’impegno del Premio Grinzane Cavour nell’avvicinare i ragazzi alla scrittura creativa e alla riflessione sul rapporto tra immagini e parola scritta, abilità fortemente richieste dal mercato cinematografico contemporaneo. Il concorso inoltre si pone in sintonia con il Festival Grinzane Cinema cha a dicembre proporrà la sua III edizione a Stresa, sulle rive del Lago Maggiore. La giuria di Scrivere il Cinema era composta da: Alberto Barbera, direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino, Guido Davico Bonino, professore ordinario di Storia del Teatro all’Università di Torino, Stefano Della Casa, direttore artistico del Festival Grinzane Cinema, Davide Ferrario, regista , Anna Galiena, attrice, Giuliano Montaldo, regista e presidente Rai Cinema, Lidia Ravera, scrittrice, Giuliano Soria, presidente del Premio Grinzane Cavour e Liborio Termine, professore ordinario di Storia e Critica del Cinema all’Università di Torino

di Adriana Cesarò