Pietro D’Agostino: Londra-Sicilia via Traspi

giugno 6, 2002 in il Traspiratore da Momy

28751(1)Una finestra prestigiosa sulla cucina d’autore, fra approfondimenti e tradizione: ecco Chef Pietro (www.chefpietro.traspi.net), la nuova rubrica di Traspi.net. Il protagonista? Pietro D’Agostino, uno degli chef italiani più in vista, che con la simpatia, la classe e la professionalità che lo contraddistinguono presenta sul web ricette d’alta scuola (quelle che vorremmo saper imitare e dobbiamo invece accontentarci di degustare) e ci offre una stimolante sinergia tra forme d’arte diverse, con un brillante mix tra haute cuisine (ovviamente!), letteratura e fotografia.

Nello showroom virtuale, infatti, trovate esposte le sue migliori ricette, straordinari quadri d’autore per armonia di colori e forme: “Sono un amante della pittura, quindi anche quando cucino penso i piatti come dei quadri”. Poiché la cucina sollecita non solo tutti i nostri sensi, ma anche la fantasia, alle ricette sono abbinate racconti d’autore, ispirati ai preziosi piatti di Pietro.

La valorizzazione del territorio, dei suoi prodotti e delle sue ricette, si riflette nelle parole di D’Agostino. “Vorrei offrire ai lettori di Traspi.net l’occasione per dare uno sguardo sia al modo in cui interpreto e reinvento la tradizione nella cucina, sia agli ingredienti che utilizzo. Ecco perché schede d’approfondimento su alcuni elementi chiave accompagnano le ricette.” Pietro propone più di una semplice rubrica di cucina: ci svela a piccole dosi i segreti per sviluppare il proprio tocco e rendere unico ogni piatto!!!

“Mi ricordo un episodio di quand’ero piccolo. Era la notte di Natale e mi sono svegliato alle quattro del mattino: ho visto una luce accesa in cucina e ho trovato mia nonna che impastava. In quel momento ho deciso di fare il cuoco.” E che cuoco, vista la sua giovane età e la caratura internazionale, che lo ha visto passare dallo sfarzoso Dorchester di Londra, l’albergo del sultano del Brunei, alla Florida, da Le Meridien di Torino alla Sicilia di Dolce e Gabbana.

Il Traspiratore – Numero 36

di M. Mautino