Pareggio fra Toro e Genoa

dicembre 3, 2007 in Sport da Giovanni Rolle

Finisce in parità la sfida fra Torino e Genoa, squadre gemellate, legate da un’antica amicizia fra le due tifoserie. La partita si gioca con la curva Maratona ancora in sciopero: come in occasione dell’ultima gara interna del Toro contro il Catania il cuore del tifo torinista rimane vuoto nella parte centrale, mentre un centinaio di sostenitori rossoblu, alla cui tifoseria era stata vietata la trasferta torinese, sono comunque presenti, mischiati a quelli torinisti, con il quali esiste un antico e consolidato gemellaggio. Prima della partita gli ultrà delle due tifoserie hanno inscenato una manifestazione fuori dallo stadio.

Per ingabbiare il tridente di Gasperini, Novellino sposta Lanna sulla linea di centrocampo ed inserisce Di Loreto al fianco di Natali, con Dellafiore spostato a sinistra. In avanti rientra di Michele, mentre Ventola viene dirottato in panchina per far posto a Recoba. L’uruguaiano gioca con una vistosa maschera al volto, per proteggere il viso dopo l’operazione al quale è stato recentemente sottoposto alla dentatura. Dopo un primo attacco della formazione rossoblu, è proprio dai piedi di Recoba che il Toro inizia una pericolosissima azione in contropiede, con apertira di Rosina e ultimo passaggio del numero dieci granate all’indirizzo di Di Michele, il quale fallisce però clamorosamente la battuta a rete.

Nel primo tempo la gara è piacevole, con azioni da entrambe le parti, anche se nessuna riesce ad impegnare seriamente i due portieri.

Nella ripresa Gasperini sostituisce Papa Waigo con Leon ed è proprio il nuovo entrato a dare il via all’azione che porta in vantaggio gli ospiti. Da Leon a Di Vaio, l’ex juventino libera di tacco Fabiano, il quale mette la palla in mezzo all’area dove c’è la deviazione vincente di Borriello.

La partita di Recoba finisce dopo 5’ della difesa, quando l’ex interista guadagna gli spogliatoi per fare posto a Ventola. La partita potrebbe mettersi molto male per Novellino e i suoi uomini, se non arrivasse quasi subito il pareggio granata, che viene siglato da Lanna, che ribadisce in rete da pochi passi al termine di una mischia in area genoana innescata da Dio Michele e Ventola.

Il raggiungimento del pari scatena i granata e al 21’ Scarpi salva la porta genoana sulla conclusione ravvicinata di Ventola in un’azione scaturita da un calcio di punizione battuto da Corini. La replica dei liguri giunge però insediata ed è Konko a sfiorare il gol con un colpo di testa che sfila a pochi centimetri dalla porta difesa da Sereni. Alla mezz’ora nuova azione da gol per i rossoblu, con un calcio d’angolo di Leon che trova la deviazione di Sculli e la palla è di nuovo fuori di un soffio.

Entrambe le squadre cercano di portare a casa l’intera posta, ma il risultato non si schioda più dall’1-1 e la partita finisce fra i fischi del pubblico dello stadio Olimpico, che speravano di assistere finalmente ad una vittoria da parte degli uomini di Novellino.

TORINO-GENOA 1-1

  • RETI: 2’ st Borriello (G), 9’ st Lanna (T).

  • TORINO: : Sereni; Di Loreto, Natali, Dellafiore; Comotto, Corini, Zanetti, Lanna; Rosina (35´ st Malonga), Recoba (6´ st Ventola), Di Michele (41´ st Motta).

    All. Novellino.

  • GENOA: Scarpi; Bega, Bovo, Lucarelli; Rossi, Konko, Milanetto, Fabiano (36´ st Santos); Papa Waigo (1´ st Leon), Borriello, Di Vaio (10´ st Sculli).

    All. Gasperini.

  • ARBITRO: Rizzoli di Bologna.

  • AMMONITI: Zanetti (T); Fabiano, Bega, Konko, Santos (G).

    di Giovanni Rolle