Ospiti celebri a Idea Sposa

febbraio 15, 2001 in Spettacoli da Claris

Dopo le folle di pubblico del week-end, sono tutti positivi i commenti degli espositori di Idea Sposa che traggono, a metà manifestazione, i primi bilanci. L’afflusso di persone è aumentato, la gente è contenta degli spazi espositivi, che permettono di allestire stand più sfarzosi e di muoversi con più comodità tra le corsie.

Intanto, nella nuova e prestigiosa sede del Lingotto, prosegue il fitto programma di manifestazioni collaterali.

Lo stilista Carlo Pignatelli ha invitato per questa sera una cospicua rappresentanza della squadra granata, sull’onda dei recenti successi del Torino Calcio, prossimo ad eguagliare la serie di sette vittorie consecutive di Mazzola & Co. (certo altri erano gli anni e soprattutto la categoria di appartenenza…).

Alle ore 20.30, ospiti d’onore di Pignatelli alla sfilata saranno, per la gioia delle fanciulle, l’attaccante Stefan Schwoch, il difensore Fabio Galante, il portiere titolare Luca Bucci ed il terzo portiere Alessandro Nista. Il gruppo presenterà alcuni modelli della collezione uomo primavera-estate 2001 dello stilista torinese di fama internazionale.

Di diverso genere l’ospite previsto per domani sera: si tratta di Dario Ballantini, il comico trasformista, inviato di “Striscia la Notizia”, che imita lo stilista Valentino e tanti altri personaggi.

Parallelamente a sfilate e defilè sono stati pubblicati i risultati statistici di una recente indagine sulle spese “nuziali”.

La cerimonia è un investimento in termini affettivi e d’immagine cui ben pochi si sentono di rinunciare, tant’è vero che ben l’87,5% delle coppie italiane ha celebrato il matrimonio con feste e ricevimenti. La spesa affrontata, in ambito nazionale, è stimata oggi intorno ai 10 mila miliardi di lire l’anno, senza considerare i regali di nozze, né la spesa di maggiore impegno, che concerne l’acquisto o l’affitto dell’abitazione per gli sposi e l’arredamento della stessa.

Questa cifra, divisa per il numero delle nozze celebrate nel ’99, fornisce un’indicazione di spesa media per cerimonia che si aggira intorno ai 36 milioni di lire: un’indicazione realistica, che tiene conto anche di quei matrimoni (le seconde nozze, le terze, le unioni civili) talvolta celebrati in un tenore di relativa “sordina”.

Secondo una recente elaborazione condotta da Sistema Moda Italia su dati ISTAT, per i soli abiti da sposa, lo scorso anno sono stati spesi quasi 620 miliardi di lire, per un totale di 233.950 abiti venduti. Un’indagine rivela per le principali voci i seguenti range di spesa.

Abito per la sposa, completo di accessori: da L. 1.500.000 a L. 17.000.000

Trucco e acconciatura dei capelli: da L. 300.000 a L. 1.000.000

Abito per lo sposo con accessori: da L. 1.000.000 a L. 2.700.000

Bomboniere e confetti (per 100 pezzi): da L. 300.000 a L. 3.000.000

Banchetto nuziale: per invitato: da L. 50.000 a L. 150.000

Servizio fotografico: da L. 1.000.000 a L. 5.000.000

Viaggio di nozze (per la coppia): da L. 3.000.000 a L. 20.000.000

Beninteso trattasi di stime, comunque significative, che portano a riflessioni consapevoli: quanto vale l’immagine e la mondanità in un giorno che dovrebbe essere di gioia, ma anche di intimità?

di Claris