Omaggio a Giuseppe Giacosa

settembre 1, 2006 in Attualità da Stefania Martini

Giacosa_centenarioA 100 anni dal 2 settembre 1906, giorno della scomparsa di Giuseppe Gaicosa, il Contato del Canavese, in occasione del 9° Festival Musicale della Via Francigena Canavesana, propone una serie di manifestazioni commemorative.

  • A Colleretto Giacosa, suo paese natale, in Piazza del Comune alle ore 10,30 Commemorazione della figura di Giuseppe Giacosa librettista, scrittore, musicista. Partecipa alla manifestazione la Banda Società Filarmonica Santa Cecilia di Colleretto Giacosa e Parella che eseguirà arie celebri tratte dalle famose opere di cui Giacosa fu librettista. Con Marina Martianova (violino), letture di Oliviero Corbetta, a cura di Giacomo Bottino.
  • Ad Ivrea, presso il Teatro omonimo, alle ore 17, Giuseppe Giacosa e Giacomo Puccini: un incontro al vertice, convegno di studi con esecuzioni musicali in occasione del 9° Festival Musicale della Via Francigena Canavesana diretto da Antonio Mosca che ha voluto, in questo modo, festeggiare la ricorrenza.

    Della vasta e poliedrica produzione di Giuseppe Giacosa – drammatica, narrativa, saggistica – l’attività librettistica costituisce in realtà un aspetto abbastanza marginale. Tuttavia condizionamenti e contingenze non pregiudicarono affatto la qualità dell’impegno artistico del drammaturgo che, anzi, approdò a risultati di eccellenza piuttosto inconsueti nella storia del melodramma italiano. E, in virtù del celebre sodalizio con Puccini e delle ampie e tenaci fortune di Bohème, Tosca e Madama Butterfly, i melomani di tutto il mondo oggi conoscono e amano i versi eleganti e fluidi, armoniosi e ispirati che Giacosa concepì, principalmente nella quiete del ritiro canavesano.

    Inframmezzeranno gli interventi alcune esecuzioni musicali: Quando men vo’ da Bohème, Vissi d’arte da Tosca, Un bel dì vedremo da Madama Butterfly, Duetto dei fiori da Madama Butterfly.

    Eseguiranno arie della celebre trilogia pucciniana Stefania Bergera, Irene Favro ed Elisabetta Barbero della Scuola di Canto del Conservatorio di Torino di Silvana Silbano.

    Accompagnerà al pianoforte Giuseppina Scravaglieri.

  • A Colleretto Giacosa, Chiesa Invenzione della Santa Croce, ore 21, Intorno a Giacosa arie e duetti di Puccini, Mascagni, Leoncavallo, Catalani, Cilea. Con i solisti dell’Accademia della Voce di Torino Leonardo Gramigna (tenore), Natalia Lemercier Miretti, Mjoung Hee Kang (soprani), Emilio Marcucci (baritono), Achille Lampo (pianoforte).

    Intorno a Pin, come veniva chiamato confidenzialmente il grande poeta di Colleretto, si muovono artisti come Puccini, Mascagni, Leoncavallo, Catalani e Cilea: una generazione che cresce nel culto di Verdi, ma che si fa strada guardando ad un romanticismo fatto non più di leggende eroiche e vicende corrusche, ma di personaggi dai sentimenti più prossimi alla gente comune, quasi “presi dalla strada”. E’, insomma, la poetica verista, che nell’opera lirica ha un modello di realismo disincanto e cinico nella Traviata.

    D’altronde, a Violetta, la verdiana “signora delle camelie”, sono imparentate le varie Manon, Santuzza, Nedda, Tilda, Wally e Adriana, eroine di un mondo sempre in bilico tra slanci d’amore e catastrofi sentimentali.

    Ingresso libero.

    Per informazioni:

    Il Contato del Canavese: 0125/641161

    www.teatrogiacosa.it

    www.giuseppegiacosa.it

    [email protected]

    di Stefania Martini