Nostalgia

agosto 3, 2005 in il Traspiratore da Redazione

Ecco il nome di quel qualcosa

d’indefinito che mi attanaglia il cuore.

Nostalgia della terra che, come una madre,

mi ha visto nascere e crescere.

Madre forse un po’ snaturata

che ha imposto l’allontanamento da casa

a tanti figli. Troppi figli.

Mamma che ha accolto altri figli

che a volte l’hanno deturpata, disonorata, derisa.

Provo rancore per quella mamma;

provo forse odio verso i suoi nuovi figli

accolti anche benevolmente.

Senz’altro questa terra, che mi ha ospitato,

si è comportata allo stesso modo con i propri figli.

Pure io sono stato accolto

insieme a tanti altri fratelli

e non tutti abbiamo fatto il possibile

per non deridere, disonorare,

deturpare questa mamma adottiva.

Sono disorientato… ho bisogno

di ordinare i miei pensieri.

Amo questa nuova terra

che mi ha dato lavoro, famiglia, benessere.

Amo la terra natale;

quella mamma che mi brucia col suo calore.

Mamma terra, perdona tuo figlio.

La mia è solo rabbia. Rabbia d’emigrante

Il Traspiratore – Numero 54

di Mikele