Le politiche del Design: “Shaping the Global Design Agenda”

novembre 3, 2008 in Attualità da Redazione

Contestualmente alle Case Internazionali del Design avrà luogo il 6 e 7 novembre presso la Sala dei Cinquecento del Centro Congressi del Lingotto una conferenza internazionale sulle politiche del design dal titolo “Shaping the Global Design Agenda” che cercherà di offrire un significativo contributo alla comprensione del design in quanto componente essenziale nelle strategie nazionali che si rivolgono a stimolare lo sviluppo di una crescita economica e culturale sostenibile. Lo scopo della conferenza è quella di “delineare l’agenda del design globale” attraverso una politica migliore in grado di dirigersi verso il design.

Parteciperanno alla conferenza importanti autorità e rappresentanti provenienti dal mondo delle istituzioni, dell’economia, della formazione, della ricerca e del design così come autorevoli personalità che si occupano di promuovere il design a livello regionale, nazionale e internazionale.

Tra i relatori:

  • Ibrahim Jaidah, Direttore Generale dell’Arab Engineering Bureau del Qatar e che parlerà delle politiche di design in atto in medio oriente;

  • Peter Dröll, Direttore del Dipartimento di Politiche sull’Innovazione della Commissione Europea, che offrirà una panoramica degli sviluppi delle legislazioni a livello europeo;

  • David Kester, Direttore Generale del UK Design Council, che offrirà ai delegati spunti sulla nuova politica strategica nazionale in Inghilterra;

  • Fumio Hasegawa, Vice Direttore-Generale all’Industria e Commercio della Città di Nagoya, che parlerà del passato, presente e futuro delle città nella prospettiva di una società sostenibile;

  • Yrjö Sotamaa, Presidente dell’ Università di Arte e Design di Helsinky, che parlerà degli sviluppi del Design in Finlandia;

  • Peter Zec, senatore di Icsid (International Council of Societies of Industrial Design), che parlerà del progetto World Design Capital nel contesto globale;

  • Song Weizu, rappresentante del Congresso del Comitato Municipale di Pechino e Direttore del Beijing Industrial Design Center, che offrirà una panoramica sulle opportunità e sui cambiamenti in corso in Cina.

    Tre gli argomenti di discussione:

  • “design ed economia”, che indagherà il rapporto tra il design e le nuove forme di innovazione e come individuare politiche di design in grado di anticipare questi cambiamenti;

  • “design e società”, che svilupperà il tema del design come uno strumento strategico atto a supportare lo sviluppo di migliori servizi per le comunità e gli individui sotto forma di migliori sistemi sanitari e migliori città;

  • “design e complessità”, che partendo dall’assunto che le politiche di design attuate a livello regionale e nazionale non sono sufficienti ad affrontare le prossime sfide, tenterà di individuare il modo attraverso il quale le nazioni possono lavorare insieme per costruire politiche di design integrate.

    Al termine della conferenza avrà luogo la cerimonia ufficiale per il passaggio della nomina di World Design Capital da Torino (2008) a Seul (2010).

    di Redazione Arte