Le nostre parole

aprile 19, 2008 in Poesie da Redazione

Donna MantelloDileguano le nostre parole

attraverso crepe e fessure

dalla teca della memoria.

Espiantate del cuore,

in viaggi notturni

su convogli e binari distorti,

lasciano tracce, scie di sangue

e saliva su terra battuta

e su rocce, morse con spasimo

da fauci putride…

Oh spiriti!

dateci ancora le vostre parole!

Non siano reliquie, non pozze

senz’acqua, d’amanti nel grembo,

in bocca all’infante.

Oh voci di trapassati,

con noi restate ancora un poco!

Rammento il tocco, l’accento,

lo scalpiccio che vi fu proprio,

d’ognuno serbo il sorriso..

Poi, con lo sguardo di chi va

e si volge, per breve tratto,

lungo i sentieri dell’eterno oblio,

un’ultima volta, parole perdute,

ci lasceremo in solitudine.

di Effedì