La memoria del cinema

maggio 28, 2003 in Spettacoli da Marinella Fugazza

34796(1)

La memoria storica e’ custodita soprattutto negli archivi, siano essi documenti o film, su come conservarli e valorizzarli facendoli conoscere al grande pubblico e’ uno dei molti temi che vengono trattati a Torino per quattro giorni, dal 28 al 31 maggio. “La memoria del cinema: archivisti, bibliotecari e conservatori a confronto” e’ il titolo di questo interessante convegno organizzato dall’Associazione Nazionale Archivistica Italiana con la collaborazione della Cineteca Nazionale, Archivio di Stato di Torino, le Soprintendenze Archivistiche del Piemonte e del Lazio e la Camera di Commercio di Torino. Nelle sale di “Torino Incontra di via Nino Costa, parteciperanno studiosi internazionali e nazionali.

Nel corso del convegno verranno, tra gli altri argomenti, affrontati la situazione del patrimonio cinematografico in alcuni paesi europei, la formazione degli specialisti della memoria filmica, l’archivista multimediale tra arte e nuove tecnologie, il futuro delle cineteche e il trattamento dei film, oltre alla conservazione dei manifesti tipografico-letterali e il cinema muto torinese. In contemporanea al convegno una rassegna di film restaurati organizzata dal Museo del Cinema al Massimo: oggi alle ore 22,30 in sala 2 viene presentato “I dolci inganni” di Alberto Lattuada; alla stessa ora in sala 3 “Il fantasma del castello”, un classico di Ted Browning con l’accompagnamento al pianoforte di Stefano taccagno; giovedi’ 29 sempre alle ore 22,30 “L’avventura” di Michelangelo Antonioni. L’ingresso e’ libero, per informazioni 011.5627396.

di Marinella Fugazza