Juve: Ranieri è il nuovo allenatore

giugno 4, 2007 in Sport da Tomas

RanieriSi riparte. Dal 1° Luglio 2007 la Juventus avrà l’ allenatore che la guiderà nella sua nuova avventura, il ritorno in serie A. E a quanto pare la scelta del nuovo tecnico è stata accettata anche dai big, soprattutto dal numero uno Gigi Buffon, che dal ritiro della nazionale ha commentato con un inequivocabile “Scelta giusta, oculata”.

Forse ora sarà ancor più semplice progettare il futuro assieme, tra società ed i vari campioni che si aspettavano delle risposte concrete per il prossimo campionato nella massima serie italiana. Unico che resta ancora in bilico è David Trezeguet, il quale non ha ancora trovato un accordo per il possibile rinnovo del contratto che gli scade tra un anno. La Juventus ha così ufficializzato l’ accordo con il tecnico romano in un comunicato stampa nel quale afferma si tratti di “una scelta autorevole e pienamente adeguata ai propri obiettivi e alla propria tradizione. Un uomo di esperienza e visione internazionale, in grado di far proprie le finalità del progetto sportivo approvato dal Consiglio di Amministrazione”.

Nato a Roma il 20 ottobre 1951, ha giocato con le maglie di Roma, Catanzaro, Catania, Napoli e Palermo. Si fa conoscere soprattutto nella società calabrese, dove diventa uno dei baluardi della squadra che dal 1976 al 1982 milita in Serie A. Cominciato ad allenare fin dal 1986. Inizia al Vigor Lamezia e al Campania Puteolana, prima dell’approdo al Cagliari, che porta dalla Serie C alla A. Da qui passa al Napoli con cui conquista l’ Europa con il quarto posto. Dopo un anno di stop, dal 1993/94 è alla Fiorentina, appena retrocessa. La riporta in serie A e conquista una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Dal 1997, Ranieri inizia la lunga avventura all’estero. Prima al Valencia con cui vince una Coppa del Re. Nel 1999 è all’Atletico Madrid. Nel 2000 si trasferisce in Inghilterra, sulla panchina del Chelsea con cui ottiene un secondo posto in Premier League e, soprattutto, una semifinale di Champions League. Nel 2004 ritorna al Valencia dove vince una Supercoppa Europea. Dopo quasi due anni di inattività il 12 febbraio scorso è stato scelto dal Parma al posto dell’esonerato Stefano Pioli, contribuendo alla salvezza quasi insperata dei ducali.

Le sue parole faranno di sicuro piacere ai tifosi bianconeri: “Quando ti chiama la Juventus, c’è poco da pensare…Ad una società come la Juventus non si può dire di no. Questa trattativa è stata un fulmine a ciel sereno, non me l’aspettavo”. E prosegue con dei veri e propri proclami per il futuro, che ora appare più roseo di poche ore fa: “E’ una scelta bella, difficile ed elettrizzante che non mi fa tremare i polsi. C’è da lavorare, recuperare le posizioni che competono alla Juve, e i tifosi devono stare tranquilli perché saranno fieri di quello che andremo a fare su tutti i campi d’Italia e poi su quelli d’Europa”.

Un’ Europa che non può stare più di 2 anni senza la Vecchia Signora.

di Tomas