Juve, positivo pareggio a Rotterdam

settembre 19, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

La Juve esordisce in Champions League con un buon pareggio in casa del Feyenoord, che si dimostra avversario più combattivo rispetto all’Atalanta travolta dagli uomini di Lippi nella prima di campionato. La difesa dei biancorossi di Rotterdam, accusata da più parti di essere di burro, dimostra di reggere abbastanza bene di fronte ai fuoriclasse dell’attacco bianconero, pur esponendosi talvolta al contropiede dei campioni d’Italia. Il Feyenoord nel primo tempo prova ad imporre il proprio ritmo agli avversari, ma è dei bianconeri la prima palla gol della partita: Nedved crossa pericolosamente per Di Vaio, il quale manca tuttavia la deviazione vincente.

Al 21’ Ferrara svetta di testa su corner, costringendo il portiere olandese Zoetebier ad alzare la palla in calcio d’angolo. Juve nuovamente pericolosa al 24’ con una percussione di Del Piero, ma la conclusione in diagonale del fuoriclasse veneto è a lato. Al 29’ sono però i padroni di casa a trovarsi vicinissimi al gol del vantaggio. Song mette in mezzo un pallone d’oro per Buffel, il quale, a tu per tu con Buffon, fallisca clamorosamente la rete, grazie anche alla prontezza di riflessi del portiere juventino.

Dallo scampato pericolo al gol del vantaggio il passo è breve ed al 32’, sugli sviluppi di un corner respinto di testa da un difensore, Camoranesi realizza un eurogol da fuori area che frutta lo 0-1. I pericoli per la Juventus arrivano sempre dalla fascia destra, da dove Buffel scodella verso il centro un invitante pallone che Van Hooijdonk spreca però clamorosamente, calciando malamente alle stelle.

E’ l’ultima azione pericolosa del primo tempo, al quale segue una ripresa che si apre con una irresistibile progressione di Di Vaio, il quale brucia in contropiede la retroguardia olandese, ma la conclusione dell’ex gialloblù non è precisa e la palla sfila di poco a lato del palo. Al 65’ esce Davids, fischiatissimo dal pubblico del Feyenoord nemico del suo Ajax, al posto del quale Lippi manda in campo Fresi. Al 69’ il motorino di destra Song mette in mezzo un altro pallone per Buffer, ma la girata di quest’ultimo è altissima sulla traversa di Buffon.

Il Feyenoord riesce tuttavia a raddrizzare le sorti dell’incontro al 75’. Il fiscalissimo arbitro spagnolo Lopez Nieto fa ripetere due volte un calcio di punizione a Van Hooijdonk, ammonendo prima Fresi e quindi Del Piero, ed al terzo tentativo lo specialista olandese non si lascia sfuggire l’occasione per pareggiare con una splendida esecuzione a girare. Il De Kuip è una bolgia e Lippi cerca di correre ai ripari inserendo Salas al posto di Del Piero e Baiocco al posto di Camoranesi. Nel finale i bianconeri, provati dalla fatica, patiscono la maggior prestanza fisica degli olandesi, ma gli uomini di Lippi non corrono eccessivi pericoli fino al triplice fischio del direttore di gara spagnolo, che sancisce il definitivo 1-1. Nell’altro match del girone, la Dinamo Kiev ha sconfitto il Newcastle per 2-0.

di Giovanni Rolle