Juve ok anche in coppa

settembre 18, 2003 in Sport da Giovanni Rolle

Inizia bene anche il cammino europeo della Juventus. Nel turno inaugurale di Champions League i bianconeri hanno sconfitto i turchi del Galatasaray con il punteggio di 2-1. Una vittoria giunta al termine di una prestazione poco brillante da parte degli uomini di Lippi, che permette tuttavia ai bianconeri di affrontare con fiducia la prossima trasferta ad Atene contro l’Olympiakos, sconfitto di misura sul terreno della Real Socierdad.

Passano pochi minuti e la Juve è già in vantaggio: un assist di Camoranesi trova la pronta girata di Del Piero con la palla che si insacca alla destra di Modragon per l’1-0. Passano pochi minuti ed i campioni d’Italia hanno pronta la palla del raddoppio, ma questa volta il portiere dei turchi riesce a deviare in colpo di testa di Trezeguet in angolo. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina è sempre il francese a fare da sponda di testa per un insidioso tiro-cross di Nedved, sul quale interviene tempestivamente Bulent, sbrogliando una situazione davvero scabrosa con un rinvio sulla linea di porta. La partita sembra pendere decisamente a favore dei padroni di casa ma in agguato c’è Hakan Sukur. L’ex attaccante di Torino, Inter e Parma, quando è da poco passato il quarto d’ora, conferma tutta la sua abilità nel gioco aereo e stacca con un perentorio colpo di testa alle spalle di Buffon sugli sviluppi di un corner battuto da Prates, mandando in visibilio i circa mille tifosi turchi presenti al Delle Alpi.

Dopo il pareggio del Galatasaray la partita vive un quarto d’ora di stallo, interrotto da una occasione juventina clamorosamente sventata da Batista con un intervento di testa sulla linea di porta a respingere un’incornata di Trezeguet con Mondragon inesorabilmente superato. La formazione bianconera non riesce però a ripetere l’incoraggiante primo quarto d’ora e, fatta eccezione per un’occasione di testa non concretizzata da Del Piero, il Galatasaray riesca a trascorrere l’ultimo quarto d’ora della prima frazione senza correre rischi.

Nella ripresa Marcello Lippi prova a gettare nella mischia Davids al posto di Tacchinardi, sperando che l’olandese riesca a dare un aggiunta di brio al centrocampo juventino. Il pitbull d’Olanda non sembra avere però la verve dei giorni migliori e i primi venti minuti se ne vanno senza occasioni da rete. Lippi prova a giocare così anche la carta Tudor, schierato al posto di Camoranesi, mente Terim effettua il primo cambio per i turchi: fuori Hasan Sas e dentro Cihan. Con la Juve in impasse, i pericoli per la porta di Mondragon vengono dai piedi di Del Piero: una sua punizione da una ventina di metri si stampa in pieno contro la traversa. Con gli attaccanti della Juve in difficoltà tocca a un difensore risolvere la situazione ed è il sempre verde Ferrara a sbloccare il risultato dal pareggio mandando la palla alle spalle di Mondragon sugli sviluppi di una punizione calciata dalla sinistra da Del Piero. La deviazione del trentasettenne difensore è probabilmente decisiva, anche se negli spogliatoi lo stesso Ferrara dichiarerà di non aver neppure toccato la palla, lasciando il merito del gol al capitano. Il gol di Ferrara sblocca la situazione per la Juve che pochi minuti dopo sfiora il raddoppio con un’azione partita dai piedi di Appiah, il quale scodella un’invitante pallone in mezzo per Del Piero, il quale manca però la deviazione di testa. L’attaccante bianconero nell’occasione lamenta una trattenuta da parte di Prates. La reazione dei turchi non si vede e allo scadere dei 90’ regolamentari è il portiere del Galatasaray a dover compiere un “miracolo” sul colpo di testa di Di Vaio, entrato al posto di Trezeguet. Sugli sviluppi del susseguente corner è ancora Ferrara ad incornare fuori di poco. Nei tre minuti di recupero la Juve non corre rischi ad eccezione di un tentativo di testa di Bulent, sfilato sul fondo.

Juventus – Galatasaray 2-1

  • Reti: 5’ Del Piero (J), 19’ Hakan Sukur (G), 73’ Ferrara (G).

  • Juventus (4-2-3-1): Buffon; Thuram, Ferrara, Montero, Zambrotta; Tacchinardi (46’ Davids), Appiah; Camoranesi (65’ Tudor), Nedved, Del Piero; Trezeguet (78’ Di Vaio). All. Lippi.

  • Galatasaray (4-4-2): Mondragon; Prates, De Boer, Bulent, Hakan Unsal (84’ Tamas); Sabri, Batista, Fabio Pinto (80’ Arif), Ergun; Hakan Sukur, Hasan Sas (66’ Cihan). All. Terim.

  • Arbitro: Ivanov (Russia).

  • Ammoniti: Sabri (G).

    di Giovanni Rolle