Ivrea e Savona giocano d’anticipo

marzo 22, 2002 in Sport da Redazione

Per l’Ivrea inizia un mese decisivo forse ancor più dello scontro diretto in programma il 13 Aprile al “Pistoni”. Due tappe fondamentali, sei punti da conquistare contro due squadre disperate. Si comincerà oggi pomeriggio, quando gli arancioni affronteranno il loro secondo impegno casalingo consecutivo contro il Verbania. Sarà un sabato importante questo, anche nell’economia del duello a distanza contro il Savona. Infatti, anche la partita che vedrà impegnati gli uomini di Tufano a Voghera è in programma oggi. Dopo la sosta poi, arriverà la trasferta di Moncalieri, una partita che finirà ancora per favorire gli uomini di Iacolino. A Ivrea c’è prudenza, ma il momento è sicuramente confortante. Gli infortunati sono rientrati, manca solo Murante, che tornerà soltanto tra qualche settimana, il calendario poi, è relativamente favorevole.

Se il morale dell’Ivrea è quasi alle stelle, non si può dire altrettanto del Canavese. La trasferta di Cuneo nasconde molte insidie. Innanzitutto il tecnico biancorosso, Massimo Storgato, avrà motivazioni particolari. Molti accostano il suo nome alla società rossoblù per il prossimo anno, essendo già stato l’ex juventino allenatore del Volpiano, fino alla stagione scorsa. Gianni Frara comunque sembra non sentire particolarmente il confronto con i cuneesi. “E’ una partita come le altre”, precisa l’allenatore canavesano, “una sfida importante per mantenere il terzo posto. Io sono realista, l’Ivrea è uno schiacciasassi. Tuttalpiù, potremmo aspirare al secondo posto”. Dichiarazioni queste, che nascondono una timida resa. Il problema però è un altro. Becchio si è nuovamente infortunato, e per il Canavese ci saranno ancora problemi in mezzo al campo.

Resta poi il Moncalieri, sempre più in fondo alla classifica. I pensieri del presidente D’Uggento sono già orientati al futuro. Ci sarà un campionato di Eccellenza da affrontare ed una società da rifondare, dopo l’addio di Zangrandi.

In Eccellenza, l’attenzione è tutta per il girone A. La classifica corta ha prodotto una strana situazione. Insomma domani la giornata proporrà una serie di scontri diretti che daranno una fisionomia finalmente chiara al torneo. Si comincia con Cirièvauda-Pro-Settimo, due formazioni alle prese con un periodo difficile anche sul fronte societario. In casa Pool è sempre in atto un lento declino, che porterà ad una squadra molto giovane il prossimo anno. Per fortuna l’accoppiata Russo-Fantinuoli, ha fatto un lavoro profondo, che dovrebbe permettere al presidente Palonca, di vivere di rendita per un altro anno.

Anche per Dante Pollastrini i nodi stanno iniziando a venire a galla. Il bomber Riccardi sembra sul piede di partenza, e la quart’ultima posizione di quest’anno non è casuale. Insomma se i biancoverdi dovessero perdere la situazione diventerebbe pesante. Anche a Cuorgnè ci si giocherà molto nello scontro con la Nolese. Da ricordare infine che la partita Settimo-Arona, si giocherà questa sera per dare spazio alle finali del torneo “Papà Lovera” in programma domani pomeriggio.

Nel girone B, il Pinerolo prosegue a vele spiegate la sua marcia verso la D. L’Orbassano invece si lecca le ferite, e a Sommariva dovrà vincere per conservare almeno la seconda piazza, anche perché il presidente Cascino, sta cominciando a spazientirsi. Da seguire anche il Giaveno, che sta chiudendo il torneo in crescendo e domani affronterà l’Ovada.

di Paolo Robino