Italian Cinema Divas

marzo 14, 2003 in Arte da Marinella Fugazza

34087(1)

I volti delle dive italiane illuminano ed ingentiliscono la suggestiva Aula del Tempio al Museo Nazionale del Cinema. Sabato 8 marzo è stata inauguarata la mostra Italian Cinema Divas che si protrarrà fino al 31 maggio. L’esposizione, non a caso aperta in occasione della Festa della Donna, è dedicata alle attrici italiane di tutti i tempi raccontate attraverso 35 gigantografie e 37 manifesti cinematografici oltre ad un supporto video in cui scorrono le immagini di film che le hanno avute come protagoniste.

L’Aula del Tempio si trasforma e diventa un’ aula dedicata alla seduzione, alla bellezza, al magnetismo di volti a noi famigliari eppure così distanti. Nella Rampa Elicoidale del Museo, i manifesti disposti in una passerella sospesa nel vuoto, consentono di ripercorrere la storia del nostro cinema: da Anime buie di E. Ghione del 1916, a Malombra di M. Soldati del 1942, L’amore di R. Rossellini del 1948, Cronaca di un amore di M. Antonioni del 1950, Le notti di Cabiria di F. Fellini del 1957, Vaghe stelle dell’orsa di L. Visconti del 1965, Ritratto di borghesia in nero di T. Cervi del 1978, Il dolce rumore della vita di G. Bertolucci del 1999. I volti delle nostre dive si snodano in un percorso cinematografico suggestivo e coinvolgente, che va dalle prime star del cinema muto (oltre alla Bertini si rievocano Pina Menichelli, Lyda Borelli e Leda Gys), ritratte in pose di melanconica seducente attrazione, passa attraverso le facce indimenticabili delle dive degli anni Quaranta e Cinquanta (Alida Valli, Anna Magnani, Yvonne Sanson, Lucia Bosè, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano, Silvana Pampanini, Eleonora Rossi Drago, Sophia Loren, Giulietta Masina), per giungere poi ad alcune fra le attrici più rappresentative del cinema d’autore contemporaneo (Francesca Neri, Margherita Buy, Giovanna Mezzogiorno), intense interpreti del sentire femminile dei giorni nostri.

Italian Cinema Divas è stata realizzata dal Museo Nazionale del Cinema nel marzo 2002 per celebrare e sostenere il cinema italiano in occasione della notte degli Oscar 2002 e, come parte di Italian Cinema Day, la manifestazione organizzata da Cinecittà presso il Directors Guild’s of America di Los Angeles. In seguito al successo ottenuto al Directors Guild’s , la mostra è stata ospitata presso l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles, dove è stata affiancata da una serie di lezioni e proiezioni di alcuni dei più significativi lungometraggi della storia del cinema italiano. Ora affronta il giudizio del pubblico italiano nell’affascinante cornice della Mole Antonelliana.

E’ un’iniziativa importante”, spiega Mario Ricciardi, Presidente del Museo, “e ne porteremo una parte a Parigi a fine marzo in occasione del Salone del Libro rafforzando, in questo modo, una delle vocazioni del nostro Museo: rappresentare costantemente Torino e il Piemonte nel contesto internazionale. Intanto, si tratta di un allestimento che proponiamo all’interno del Museo e ha quindi la caratteristica di essere omogeneo con il contesto. In tal modo intendiamo anche sottolineare la ricchezza di settori del patrimonio museale: in questo caso, le fotografie di scena.

Non bisogna infatti dimenticare che sia le foto che i manifesti appartengono al ricco patrimonio del Museo Nazionale del Cinema, che, oltre ad un archivio di 200.000 documenti fotografici e di 300.000 manifesti e materiali pubblicitari, possiede oltre 8.500 film, 9.000 apparecchi ed oggetti d’arte e più di 26.000 volumi.

Edgar Morin, il primo sociologo a considerare seriamente il fenomeno del divismo, sosteneva che “le star sono creature che partecipano contemporaneamente dell’umano e del divino, simili sotto un certo aspetto agli eroi della mitologia, o agli dei dell’Olimpo, in quanto suscitano un culto, o addirittura una sorta di religione”.Chi fra noi non ha dei miti di celluloide?

Italian Cinema Divas

Museo Nazionale del Cinema

Mole Antonelliana

Via Montebello 20, Torino – Tel.: 011-8125658

mar. mer. gio. ven. dom.: 9.00-20.00

sab.: 9.00-23.00 (lun. chiuso)

Intero: euro 5.20

Ridotto: euro 4.20

Gratuito bambini fino a 10 anni

di Marinella Fugazza