Infinity Festival, anno secondo

aprile 5, 2003 in Spettacoli da Sandra Origliasso

Ci siamo nutriti della magia delle sabbie.

Altri forse vi scaveranno i loro pozzi di petrolio

e si arricchiranno dei loro commerci.

Ma saranno arrivati troppo tardi.

Perché i palmeti proibiti o la polvere vergine delle conchiglie

ci hanno lasciato la loro parte più preziosa:

non offrivano che un’ora di fervore

e siamo noi che l’abbiamo vissuta.

[Antoine de Saint-Exupéry, Terre des hommes]

Fiumi di sangue colorano di porpora pochi metri di terra e a migliaia chilometri di distanza altrettanti schermi ne rimandano l’immagine, amplificandola. Questa è la normalità dell’informazione in tempi di guerra, oggi diventa d’attualità. La corsa alla notizia non rende giustizia all’indagine che viene ignorata. Fornire al pubblico un momento di riflessione, invece, è lo scopo che l'”Infinity Festival” da due anni a questa parte si propone. A caratterizzare l’edizione di quest’anno, che si tiene ad Alba dal 5 al 10 aprile presso il cinema Eden, è il documentario con le retrospettive sui reportage di Nicolas Philibert e la fiction di Konchalosvky.

Due generi che creano fra di loro una commistione contaminante per la pura riproduzione dal vero e che si ritrovano anche nell’attività di Corso Salani, altro regista ricordato durante la rassegna. Inoltre un’ampia scelta di pellicole russe, brasiliane e israeliane è inserita nel programma che contempla anche una serie d’incontri sul cinema con gli studenti del Dams, oltre che ad interventi di personalità come lo scrittore Erri De Luca. Infine, saranno presentate le anteprime di film che usciranno nelle sale fra breve, quali: “Auto Focus” di Paul Schrader, “Dreamcatcher” di Lawrence Kasdan e “Liberi” di Gianluca Maria Tavarelli.

Infinity Festival

Films and Spiritual Research

Alba, 5-12 aprile 2003

Come contattarci:

V. F. Bocca 15 – 10132 TORINO – Italia

tel. 011 8987185

e-mail: [email protected]

Chi promuove Infinity Festival

Infinity Festival è promosso dall’Associazione per il Festival del Cinema Spirituale con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Ferrero, Ministero dei Beni Culturali, Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, Comune di Alba, Consorzio Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe Roero, Unione produttori Vini Albesi, Ente Turismo Alba Bra Langhe Roero, Consorzio Turistico Langhe Roero Monferrato, Nova-T Produzioni Televisive, Euphon Spa, La Gazzetta d’Alba, Servizio Nazionale per il Progetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana, Associazione cattolica esercenti cinema, Diocesi di Alba, Frati cappuccini del Piemonte.

Note tecniche

La Fondazione Ferrero, a pochi minuti dal centro di Alba, collegata con la città con un servizio di navette, costituirà l’asse portante del festival. Al suo interno verranno allestite una sala cinematografica (350 posti), una sala incontri (80 posti), una videolibrary, una sala stampa. Il palazzo della Fondazione ospiterà anche un servizio mensa dove accreditati, giornalisti, ospiti del festival e appassionati potranno riunirsi in un’atmosfera quanto mai tranquilla e conviviale. Caffetteria e appositi spazi-incontro completano il progetto di un festival che privilegia il dialogo tra persone diverse.

Gli alberghi e i ristoranti della città di Alba, le aziende agrituristiche e i “bed and breakfast” delle Langhe (che nel corso di Infinity Festival proporranno prezzi convenzionati) completano il panorama dei luoghi del festival. Le offerte riguardanti ospitalità e vitto sono disponibili sul sito del Festival (www.infinityfestival.org)

di Sandra Origliasso