Il Toro riparte da Ricky Maspero

ottobre 17, 2002 in Sport da Giovanni Rolle

In tempi di magra meglio affidarsi a vecchi amici. Il Toro in crisi riparte da facce note, come quella di Riccardo Maspero, che si è ripresentato al centro Sisport come se l’avesse lasciato solo il giorno prima. Quei mesi da disoccupato di lusso sembrano ormai solo un ricordo per il fantasista lombardo che ha tanta voglia di ricominciare (per 180.000 euro fino a fine stagione), senza per questo volersi prendere rivincite con nessuno: “Certo, un po’ di rammarico c’è stato, perché non mi aspettavo di rimanere a lungo senza un lavoro. Ma in questo momento il sentimento prevalente è la gratitudine per chi, in società, mi ha dato la possibilità di ricominciare. Qui sono sempre stato bene, non vedo l’ora di poter dimostrare quanto posso essere ancora utile”. Ha scelto il 19, come la sua data di nascita (febbraio ’70) e come gli anni che aveva quando ha debuttato in serie A e spera di giocare al più presto: “Mi sono allenato duramente con il Fanfulla (la squadra della sua città natale, Lodi, n.d.r.) e per questo ringrazio il tecnico Querini. Fisicamente credo di essere a posto, anche perché in questi mesi Pilati, il preparatore del Toro, ha continuato a seguirmi. Non so ancora se giocherò e quando, ma sono pronto”. Potrebbe debuttare già domenica, contro quel Chievo contro cui segnò il suo ultimo gol nello scorso campionato: “Non dipende da me, ma dall’allenatore. Visto da fuori, mi sembra che in queste prime partite sia un po’ mancato lo spirito di squadra, ma abbiamo tutto il tempo per rimediare”. E’ a caccia di rivincite personali? “No. Credo solo che siano state dette tante parole sbagliate in momenti sbagliati”. Tra un mese esatto ci sarà il derby. E’ pronto per un altro scherzetto alla Juve? “No, vorrei solo che fosse un momento migliore per noi. Al massimo, lo scherzetto spero di farlo domenica al Chievo”.

Il presidente Romero sembra soddisfatto: “Torna un giocatore importante, oltre che un uomo spogliatoio”. E Torricelli? “Vedremo la prossima settimana. Il suo ingaggio potrebbe essere importante anche dal punto di vista commerciale”. Patron Cimminelli abbozza: “La campagna acquisti era finita. Se sono contenti loro, per me va bene così”. La sua attenzione è tutta sui prossimi progetti sportivi: “Oggi chiuderemo dal notaio per l’impianto di Borgaro e il 31 per il Comunale”.

E’ stata anche la giornata del nuovo sponsor. La Ixfin, azienda che si divide tra le province di Chieti e Caserta e produce componenti elettronici. Un milione di euro fino a giugno, con opzione per il secondo anno (a 2,5 milioni di euro).

di Giovanni Rolle