Il pomodoro

febbraio 14, 2001 in Ricette da Momy

Le ricette

Origini

Originario del Perù, il pomodoro è uno dei molti frutti introdotti in Europa dai conquistadores spagnoli. Dalla Spagna si è poi diffuso in tutto il bacino del Mediterraneo dove ha trovato il clima ideale per il suo sviluppo. Nella cucina italiana, in particolare in quella napoletana, si hanno notizie del pomodoro a partire dalla fine del ‘600, ma solo verso la metà del secolo scorso si è diffuso in tutta la penisola dove, fresco o conservato, è diventato un ingrediente indispensabile.

Fino a quel momento la pianta veniva coltivata esclusivamente negli orti botanici per il suo valore ornamentale.

Caratteristiche

Il pomodoro appartiene alla grande famiglia delle Solanacee come la patata, il peperone e la melanzana. E’ una erbacea perenne anche se, data la sua scarsa resistenza alle basse temperature, viene coltivata come pianta annuale. Tutta la pianta è ricoperta da una fitta peluria che emana il caratteristico odore . I fiori, disposti a grappolo, sono piccoli e di colore giallo. I frutti possono avere forme diverse a seconda delle varietà: globosi, tondeggianti, allungati e con costolature più o meno marcate. Il loro colore caratteristico è il rosso acceso, ma ne esistono anche alcune varietà di colore giallo vivo o bianco.

Composizione e valore energetico (100 gr)

Parte edibile: 96%

Acqua: 94 g

Proteine: 1 g

Lipidi: 0,2 g

Glucidi disponibili: 3,5 g

amido: 0 g

solubili: 3,5 g

Fibra alimentare: 2 g

Energia: 19 kcal

Riboflavina (vit. B2): 0,03 mg

Niacina (vit. PP): 0,8 mg

Vitamina A retinolo eq.: 135 mcg

Vitamina C: 25 mg

Sodio: 6 mg

Potassio: 297 mg

Ferro: 0,3 mg

Calcio: 9 mg

Fosforo: 25 mg

Tiamina (vit. B1): 0,02 mg

Riboflavina (vit. B2): 0,03 mg

In Italia

In Italia il pomodoro è uno dei prodotti di maggiore interesse per l’industria alimentare; la trasformazione industriale, che interessa quasi il 70% della produzione, impegna circa 260 stabilimenti, dove ogni anno vengono lavorate circa 4.500.000 tonnellate di pomodori. I prodotti della lavorazione si distinguono in pomodori pelati; polpa di pomodoro; passato di pomodoro; succo di pomodoro e concentrato di pomodoro.

Nel Mondo

Inglese: Tomato

Spagnolo: Tomate

Francese: Tomate

Tedesco: Tomate

Ungherese: Paradicsom

Catalano: Tomaquet

Esperanto: Tomato

Danese: Tomat

Latino: Solanum Lycopersicum

Altri usi

Avete il sangue dolce? Allora un mazzetto di foglie di pomodoro è quello che fa per voi: sistematelo al centro del tavolo da pranzo o sul davanzale della finestra, ha il potere di allontanare gli insetti molesti e, in particolare le zanzare.

In particolare, le stesse foglie, strofinate sulla pelle, alleviano il prurito causato dagli insetti.

Le ricette

Antipasti

Pomodori e uova ripieni

Primi

Pasta fredda con olive e pomodorini

Secondi

Torta salata di pomodori e patate

di Momy