Il “Milano Film Festival” apre venerdi 15 settembre

settembre 12, 2006 in Cinema da Barbara Novarese

Milano Film Festival


“Il Milano Film Festival da undici anni, porta a Milano film e registi da ogni parte del mondo. E’ un festival indipendente: dagli interessi delle grandi case di distribuzione, dalla politica istituzionale, dai soldi, dalle mode, dalla critica. Ma allo stesso tempo, anche un festival fortemente dipendente: dalla creatività e dal talento dei registi, dalla competenza, dall’esperienza e dalla preparazione delle persone che lo organizzano (un gruppo di lavoro giovane ed eterogeneo), dal lavoro e dalla passione di centinaia di volontari, dalla curiosità e dalla capacità di rischiare della giuria selezionatrice. Un festival che ha scoperto e promosso registi giovani e di talento, per i quali il Festival è stato spesso un trampolino di lancio verso il riconoscimento internazionale.

Un evento che per dieci giorni trasforma i luoghi e le persone che lo attraversano”

Dalle 20:30 di venerdì 15, inizia ufficialmente l’undicesima edizione della Kermesse e si consolida come punto di incontro tra tutti coloro che vogliono confrontarsi con il sociale ed hanno il desiderio di farlo attraverso il cinema. L’inaugurazione del festival parte con un programma musicale particolarmente allettante:

Piccolo Teatro

ore 19.00-20.30 – Chicago Stompers

Formazione di giovani jazzisti; il repertorio è quello del jazz anni ’20, inteso nelle sue massime espressioni: arrangiamenti d’effetto con trio di clarinetti, trio di saxofoni, stacchi di piano solo e ..vestiario d’epoca..

Arena

ore 22-23.30 – Etnorchestra

Otto musicisti provenienti da mille esperienze diverse si uniscono per provare che ogni oggetto può divenire musica. Bidoni, catene, bottiglie di plastica e quant’altro accompagnano congas, djembe, timbales al classico quartetto di basso, batteria, chitarra e voce in un mix coinvolgente dai suoni inaspettati.

ore 23.30-01.00 – Kosovni Odpadki

I Kosovni Odpadki mescolano melodie e testi provenienti dai Balcani all’Argentina, dalla Bolivia al Medio Oriente.

La kermesse si svolgerà dal 15 al 24 attraverso diverse sezioni che prevedono manifestazioni in concorso e fuori concorso:

  • Concorso lungometraggi e Concorso cortometraggi

  • Colpe di Stato

  • Histoire(s) du cinema – Il cinema secondo Jean-Luc Godard

  • Motion&pictures against povertà: una manifestazione cinematografica sui diritti umani e sui temi connessi allo sviluppo di Paesi che producono cinema nonostante le enormi difficoltà economiche, politiche e sociali

  • Incontri italiani: dedicati ai giovani registi italiani che desiderano condividere le proprie idee attraverso proiezioni e incontri.

  • Focus animazione: una viaggio-ricerca tra stili e tecniche tradizionali da un lato e le tecnologie digitali più avanzate dall’altro.

  • Salon des refusés: uno spazio di proiezione autogestito, democratico, aperto a tutti i film iscritti al festival

    Dal 21 al 24 di Settembre verrà riproposta, per la seconda volta, la “Borsa Democratica del Cinema” ideata principalmente per gli addetti ai lavori, con un programma riservato ai professionisti, ma con momenti di partecipazione aperti al pubblico. Sarà una sorta di mercato cinematografico con stand espositivi dedicati all’informazione e alla consultazione di materiale.

    Milano Film Festival, quest’anno, sarà anche “Provincia”: le piazze di sei Capoluoghi di Provincia lombardi ospiteranno, grazie alla collaborazione di storiche realtà culturali locali, la proiezione di una selezione dei migliori cortometraggi delle passate 10 edizioni del festival.

    Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.milanofilmfestival.it

    di Barbara Novarese