Guarda che luna!

dicembre 10, 2001 in Spettacoli da Roberto Canavesi

25217(1)Si può risultare protagonisti di uno spettacolo senza mai essere, non solo presenti, ma neanche nominati in scena? La risposta è ovviamente affermativa, e per i più scettici rimandiamo a “Guarda che luna!”, in programma al Carignano come Progetto Speciale per la stagione dello Stabile.

Se il titolo ricalca il celebre motivo del grande Fred Buscaglione, lo spettacolo non vuole esserne un retorico omaggio celebrativo, quanto piuttosto rievocazione di una Torino e di un Piemonte ormai lontani destinati a rivivere in atmosfere e melodie grazie alla vercellese Banda Osiris, al cantautore cuneese Gianmaria Testa ed al jazzista, triestino di nascita ma torinese d’adozione, Enrico Rava: “Guarda che luna! – scrivono gli stessi protagonisti – non è un omaggio a Fred Buscaglione, non è uno spettacolo teatrale, non è un concerto e neppure un’antologia in musica: vengono in mente le scatole cinesi, ne apri una e dentro ne trovi un’altra e poi un’altra ancora e poi ancora. A fare da legame una storia, una situazione, una melodia”.

La luna di Buscaglione, quella di Testa, le note di Chet Baker, le atmosfere fumose dei biliardi, dei night e delle balere rotte dalla tromba di Enrico Rava o dalle sconquassate e grottesche parodie musicali della Banda Osiris, è questo il clima di quei maledetti e fantastici fine Anni ’50 che avevano la colonna sonora nelle note di “eri piccola, piccola, piccola così…”: sensazioni e situazioni pronte adesso a materializzarsi di nuovo in scena, quasi per magia, con un risultato tutto da scoprire anche se, come scrivono i protagonisti “si ride, si sorride, si ricorda, ci si abbandona alla tenerezza, si canticchia, si è presi da sorpresa”.

Guarda che luna!

Teatro Carignano

da martedì 11 dicembre a domenica 16 dicembre

Orario: feriali 20.45, festivi 15.30

Prezzo: biglietti dalle 35 alle 45.000 L.

Informazioni e prenotazioni allo 011.5176246

Teatro Stabile di Torino – Produzioni Fuorivia, di e con Banda Osiris, Enrico Rava, Gianmaria Testa e Stefano Bollani: Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Piero Ponzo al clarinetto: coordinamento scenico di Giorgio Gallione, luci di Maurizio Viani.

di Roberto Canavesi