Football NFL: tra un mese il draft

marzo 27, 2002 in Sport da Federico Danesi

La stagione Nfl comincerà solo il prossimo 8-9 settembre e avrà il suo epilogo, con il Superbowl numero 37, a San Diego il 26 gennaio, ma le squadre stanno già lavorando per prepararsi. Tra un mese, il 20 aprile, si terrà il draft degli universitari, nel quale la scelta numero uno spetterà alla nuova squadra di Houston, i Texans, che debutteranno quest’anno, portando il numero delle formazioni in Lega a 32.

Proprio per questo la Nfl nella prossima stagione cambierà il suo criterio nella composizione delle divisions e del calendario. Ci saranno infatti otto sotto-divisions da quattro squadre l’una (quattro nell’American Conference e quattro nella National Conference).

I Texans sono stati inseriti nella nuova Afc South, con Indianapolis Colts, Jacksonville Jaguars e Tennesse Titans, contro i quali sarà una specie di derby, visto che la squadra di Fisher, prima di trasferirsi nella terra di Elvis, è stata per anni a Houston con il nome di Oilers. Gli altri tre raggruppamenti dell’Afc sono l’East, con New England, Miami, N.Y. Jets e Buffalo, la North, con Pittsburgh, Baltimore, Cleveland e Cincinnati, e la West, con Oakland, Denver, Kansas City e San Diego.

Per contro la Nfc avrà nella East Philadelphia, Washington, N.Y. Giants e Dallas, nella North Chicago, Green Bay, Minnesota e Detroit, nella South Tampa Bay, New Orleans, Atlanta e Carolina e nella West S. Louis, San Francisco, Seattle e Arizona. L’unica che cambia Conference è Seattle, che passa dall’American alla National, ma alcune grandi rivalità del passato rsichiano di affievolirsi.

Tornando al draft, dopo i Texans, sceglieranno nell’ordine Carolina, Detroit, Buffalo, San Diego, Dallas, Minnesota, Kansas City, Jacksonville e Cincinnati. Le ultime due saranno S. Louis e New England, finaliste nell’ultimo Superbowl.

Il mercato, comunque, indipendentemente dai nuovi arrivi dei college, è già attivissimo. Negli ultimi giorni il personaggio più gettonato è stato il tight-end Shannon Sharpe, che potrebbe lasciare Baltimore, con la quale ha vinto il titolo lo scorso anno, per accasarsi a Seattle, dove ritroverebbe il suo ex allenatore di Green Bay, Mike Holmgren, oppure a Oakland, che nel ruolo per il momento è già piena.

Grande attesa, invece, per la nuova stagione dei Redskins che martedì hanno abbracciato ufficialmente per la prima volta il nuovo tecnico, Steve Spurrier, santone dei Florida Gators. Società e tifosi sperano che sia la volta buona.

di Federico Danesi