Festa agreste

maggio 22, 2007 in Poesie da Redazione

Ballofandango se il grillo suona

e stoppa la carne sul fuoco

mentre si mette la corona

quel buffo e baffuto cuoco

ornato di alloro giocando col pollo

due neri cornetti sul muso

senza rimaner per questo confuso

tra la terra ed il cielo in ammollo

in fresco bagnetto di acciughe

tra sapori forti di quella agreste campagna

scioglendo quelle simpatiche rughe

tra le lacrime con cui si bagna

dalle note del grillo scatenate

e dalle danze create dai violini scossi

rimasero impressi gli occhi rossi

in quelle strane foto mai nate

con pomelli di uva sulle gote

e formelle di giubilo sulle righe degli abiti

dipinse 4 false note

staccando 3 sordi battiti

su 2 dei tavoli carichi di cibo

ed 1 era il festeggiato che sul legno cantava….

di C-mod & Tomas