Edwards, Rigaudo e Borzakowsky grandi protagonisti

giugno 9, 2002 in Sport da Claris

31091(1)La prima edizione notturna del Meeting di Torino, svoltasi venerdì allo Stadio Nebiolo, ha avuto una discreta cornice di pubblico, pur leggermente inferiore alle aspettative, visto il livello dei molti i campioni in gara, che, peraltro, non hanno deluso le attese, regalando ai presenti uno spettacolo emozionante. Gli oltre 4.000 spettatori presenti si sono divertiti, ma le tribune del Ruffini avrebbero potuto essere più piene, visto lo sforzo degli organizzatori; come sempre Torino si dimostra fredda di fronte ad avvenimenti di grido, un vero peccato!

Una gara di martello al di sopra delle aspettative, uno Yuriy Borzakowsky capace di abbattere ancora una volta, sugli 800 metri, il muro degli 1’45’’: questi i momenti culminanti del 3° “Memorial Primo Nebiolo”.

Nel martello la vittoria è andata a Igor Astapkovic, anche se, per aver ragione del giapponese Murofushi (secondo con 80,70), il trentanovenne bulgaro ha dovuto attendere l’ultimo turno di lancio: l’81,09 maturato proprio all’ultimo tentativo non è però stato sufficiente per stabilire il primato del meeting (81,62 dell’ungherese Kiss, risalente al 1997). Al terzo posto ancora un atleta oltre gli 80 metri, Olli Karjalainen con 80,56, a conferma dell’ottimo livello di questa gara, sempre presente al Meeting di Torino e valevole per il circuito Grand Prix.

Negli 800 metri il russo Borzakowsky ha chiuso in 1’44’’25, nuovo record del Meeting, davanti al giovanissimo talento keniano Nicholas Wachira, che ha stabilito il suo primato personale, ed allo statunitense David Krummenacker, anche lui miglioratosi.

Nella marcia vittoria a sorpresa della ventiduenne cuneese Elisa Rigaudo, che, sui 3 chilometri ha sconfitto l’esperta russa Yelena Nikolaeva, campionessa olimpica ad Atlanta ’96, facendo registrare il proprio record personale sulla distanza (12’28’’92): un risultato, quello della Rigaudo, che fa ben sperare in vista della Coppa del Mondo di Marcia che si disputerà proprio a Torino nel mese di ottobre.

Nel salto triplo, infine, un buon 17,18 (record del meeting eguagliato) è bastato al primatista del mondo Jonathan Edwards per aggiudicarsi la vittoria davanti al ventenne romeno Marian Oprea. Nel salto in lungo vittoria del cagliaritano Nicola Trentin che ha superato il favoritissimo jamaicano James Beckford, frenato da un risentimento muscolare.

Netta la vittoria del cubano Anier Garcia, con 13”44 nei 110hs, mentre nei 100m il simpatico Bernard Williams (10”27), statunitense, ha preceduto i connazionali Coby Miller (10”29) e Shawn Crawford (10”33) al traguardo. Nel salto con l’asta femminile la tedesca Annika Becker e l’australiana Tatiana Grigorieva salgono a 4,40m eguagliando il primato stabilito da Emma George, anche lei australiana, nel ’98. Nel lungo femminile vittoria della russa Tatiana Kotova (già oro lo scorso anno) con 6,81m davanti a Tunde Vaszi, ungherese. Infine buone le prove delle staffette italiane: quella femminile (Cola, Graglia, Grillo, Calì) ha chiuso in 43”91, mentre la maschile (Scuderi, Torrieri, Checcucci, Colombo) ha ottenuto un buon 38”99.

Tutti i risultati sono visibili su www.custorino.it/meeting

di Claris